Andreazzoli in conferenza: “Lusingato dai complimenti di Ancelotti”

andreazzoli
   

Al termine della partita di Napoli, il tecnico Andreazzoli in conferenza stampa commenta il match:

Non sarò né il primo e probabilmente neanche l’ultimo a perdere con un divario simile al San Paolo. Mi concentro sulle cose viste stasera, quanto di buono e quanto di male fatto stasera.

Il mister viene poi interrogato sulla differenza tra prestazioni e risultati:

Visti i risultati, vedo poche speranze, però sappiamo che siamo un team che sta puntando sul miglioramento, maturando con la consapevolezza di avere i complimenti di tutti. Così ne esci rafforzato, anche se non avevo bisogno di queste conferme. Nelle ultime dieci gare è stato sempre così, non ci basta chiaramente. E’ anche vero che il nostro campionato inizia da ora, abbiamo affrontato più di qualche squadra ostica. Non ho visto questo grande divario, come stasera. Ma è normale che i calciatori di grande livello concretizzino le occasioni, dobbiamo tenerne atto. I complimenti di Ancelotti mi hanno fatto piacere. C’è il bicchiere mezzo pieno ma dobbiamo considerare anche quello mezzo vuoto. Speriamo di aver imparato qualcosa per il futuro. Dobbiamo pensare a migliorare, a eliminare i difetti. Mertens? Come lo fermi? Guarda da una parte e mette la palla all’incrocio. Fermare Insigne è difficile, Milik ha segnato alla prima palla toccata. La qualità conta tanto, ma questa non è una giustificazione. Questa è la Serie A. Abbiamo ragazzi forti, con qualità, ad esempio Bennacer e Traore. Proviamo ad andare in una direzione, quella della qualità. Non ci manca la corsa, così come l’applicazione. Mi inchino di fronte ad Ancelotti, lo ringrazio per quanto detto sull’Empoli.”.

Mario Scala

Il grande giornalista pone le domande giuste per far emergere ciò che altrimenti resterebbe nascosto.

View all posts by Mario Scala →