Top&FLop – Napoli-Empoli, il migliore ed il peggiore azzurro in campo

   
Napoli
   

Napoli-Empoli 5-1. Arriva alla undicesima giornata la prima goleada di stagione. Mai finora il Napoli aveva superato le tre reti nella stessa partita e la grossa iniezione di fiducia arriva al momento giusto: alla vigilia della partita di Champions che vale buona parte del passaggio del girone. Gli azzurri approcciano con la solita rabbia e determinazione alla partita. Al 9′ un maestoso Kalidou Koulibaly intercetta un pallone in difesa e sfrutta lo spazio effettuando un coast to coast. Fa sembrare tutto facile il senegalese, arrivato al limite dell’area serve lucidamente Lorenzo Insigne che, dopo aver mandato a vuoto Silvestre imbuca Provedel sul secondo palo con un colpo da biliardo. Dopo il gol ancora Napoli ma l’Empoli non è venuto a guardare la partita e lo dimostra. Al 14′ è Antonelli (autore di un’ottima partita) che trova la porta ma a gioco fermo per offside. I centrali Rog e Diawara appaiono in affanno nella fitta rete di triangolazioni dell’Empoli, che si propone senza timore. La partita è vivace con occasioni da ambo le parti. Siamo al 38′ quando Insigne è costretto ad un retropassaggio per Mertens che sfrutta lo spazio creato dal napoletano, arriva al limite dell’area e sorprende difesa e portiere con un tiro forte e preciso nell’angolino alla sinistra di Provedel. Il doppio vantaggio non spegne i toscani, nella ripresa tornano in campo con la stessa intensità ed aggressività, ad Ancelotti di sicuro non sarà piaciuto l’inizio del secondo tempo. Infatti al 58′ è Caputo ad accorciare le distanze sfruttando il bel servizio verso porta di Krunic ed un Napoli un po’ distratto. Ancelotti aveva già fatto riscaldare Callejon ed Allan, non aspetta oltre e li inserisce al posto di Marko Rog e Fabian Ruiz, lo spagnolo non ha giocato una brutta partita ma a sinistra esprime nettamente meglio le sue qualità. Passa appena un minuto dal loro ingresso che Dries Mertens trova l’ennesimo gol da cineteca con un destro preciso sul secondo palo dal limite dell’area. Osso duro l’Empoli che guadagna una serie di calci d’angolo e, proprio da un cross dal corner, è l’esterno Di Lorenzo ed impegnare Karnezis con un inaspettato colpo di testa. Arriva anche il turno di Arek Milik che subentra al connazionale Zielinski, autore di una partita non proprio da ricordare se non per un bel tiro nel primo tempo. Cala il poker il Napoli proprio con la punta polacca che gira, con un potente sinistro a pochi metri dalla porta, un assist preciso e generoso di Mertens. Il belga si renderà ancora protagonista con una lunghissima cavalcata per raccogliere il delizioso assist di Insigne e depositare in rete per il definitivo 5-1, dopo aver scavalcato anche Provedel.

TOP – Mertens

Tira dalla distanza con precisione e potenza, rincorre gli avversari fino a centrocampo. No, non si sta descrivendo Cavani ma Dries Mertens, che lancia un chiarissimo ed inequivocabile segnale a Carlo Ancelotti per la scelta della formazione titolare in vista del PSG. Che serata per il folletto belga, 3 gol ed un assist per il collega di reparto Milik. Ennemi public!

FLOP – Rog

Il croato non assolve al compito che gli è stato assegnato. Siamo d’accordo, non è facile sostituire uno come Allan ma è spesso fuori posizione di copertura e l’Empoli, che esprime un bel gioco nonostante la posizione di classifica, lo aggira con una certa facilità. Fuori giri!

Mario Scala

La pagina Facebook per seguire tutte le news del calcio in campania

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *