Pubblicato il: 6 Luglio 2020 alle 11:05 am

Chiariello: “Politano non può neanche pulire le scarpe di Callejon. Confermiamo la vecchia guardia”

Chiariello: “Politano non può neanche pulire le scarpe di Callejon. Confermiamo la vecchia guardia”

Il giornalista di Canale 21 Umberto Chiariello, durante la trasmissione Campania Sport, ha commentato la vittoria del Napoli sulla Roma nel suo consueto editoriale: “La vecchia guardia. Callejon-Mertens-Insigne. Il Napoli nel corso degli anni ha sempre venduto i top player che chiedevano di partire a cominciare da Lavezzi che portò il Napoil in Champions per poi andare a Parigi a prendere tanti soldi e poca gloria. Arrivò lo svenduto Cavani, anche lui attratto dai soldi, chiese di andare via e il Napoli ne tirò fuori un bel pacco di soldi. Higuain andò addirittura a fare le visite di notte, di nascosto, all’estero, per accettare la corte della Juve. Il Napoli ha sempre saputo rifondarsi e migliorare. Il Napoli negli ultimi 10 anni ha fatto sempre secondo o terzo. Ora bisogna porsi la domanda Insigne è il capitano, un uomo imprescindibile. Sotto Gattuso è rifiorito e migliorato.

Mertens ha rinnovato. E’ lui il nostro top player con cui fare i confronti con Dybala, Dzeko? Alle loro spalle chi c’è? Quel Milik in partenza. Quel Petagna , oggetto misterioso o Osimhen, ragazzino che per 13 gol in Francia è diventato un messia del gol napoletano. A destra paccate di 25 mln con Verdi, Politano che non possono neanche pulire la scarpa destra di Callejon. E’ il momento delle scelte: quella più intelligente è cercare seconde linee e confermare la vecchia guardia. Manolas e Koulibaly sono la strana coppia.

I conti tornano perchè Gattuso ha recuperato 10 punti alla Roma. Il Napoli è organizzato, sa tenere il campo.Lobotka sta crescendo mano mano. Gattuso ha saputo rivitalizzare questa squadra. Non vorrei che un giorno rimpiangessimo i vari Lozano e Milik. Il Napoli deve cercare i gioctori giusti, manca poco per ritrovare quel tasso di competitività che dopo i 91 punti qualcuno ha perso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *