Ferrara su Juve-Napoli: “Bianconeri più forti. Occhio a Callejon e Pjanic! Da Ancelotti mi aspetto una mossa”

Ferrara Ciro

Il doppio ex Ciro Ferrara ha parlato di Juve-Napoli alla Gazzetta dello Sport:

Il 4-4-2 la convince?
«Ancelotti si è reso conto che senza Jorginho il 4-3-3 aveva i suoi limiti e un allenatore bravo come lui valuta bene pro e contro di ogni sistema con i suoi uomini. Tra l’altro la modifica di posizione ha esaltato il giocatore tecnicamente più dotato: ora Insigne, segnando, si è ingolosito. Un po’ com’era successo da centravanti a Mertens. E poi anche la difesa è più coperta e la squadra soffre meno».

Basterà contro la Juve?
«Intanto va sottolineato che Carlo è stato molto coraggioso a spingere il turnover e a coinvolgere tutti, rendendo la sua squadra imprevedibile e non facilmente leggibile tatticamente. Ma non so se tutto questo basterà perché i bianconeri erano già forti ed è una constatazione dire che lo sono ancor più con Ronaldo, Can e Cancelo. Mi aspetto una sfida molto tattica, affascinante per come la gestiranno i due tecnici».

Fuori Dybala?
«Almeno all’inizio credo di sì. Come mi attendo che Ancelotti punti sui bassotti lasciando fuori Milik. Di fatto resteranno fuori i cannonieri di mercoledì scorso, ma pensate che armi hanno in panca i tecnici…».

Non può scegliere CR7 e Insigne: quale potrebbe essere il giocatore decisivo nelle due squadre?
«Pjanic per la Juve. Ormai è diventato indispensabile per far girare la squadra. E può anche essere letale su calcio piazzato. Nel Napoli dico Callejon, che al Real era proprio il sostituto di Ronaldo. Lo spagnolo è un equilibratore in fase difensiva e abilissimo con i suoi tagli imprevedibili in quella offensiva. La sua intesa con Insigne è eccellente, oltre che spettacolare».