Frosinone in Serie A, quando Stellone segnò alla Juventus

 
 
   

Come promesso, dopo il Carpi, eccoci a parlare del Frosinone per la Rubrica Buoni esempi calcistici. Le due squadre sono alla loro prima esperienza in Serie A. Per entrambe il debutto si è risolto in una sconfitta, ma avranno sicuramente la possibilità di rifarsi nelle prossime 37 partite.

Cominciamo dall’allenatore. Molti tifosi del Napoli ricorderanno Roberto Stellone, che al suo debutto in Serie A (il 30/09/2010) con il Napoli di Zeman (il Napoli peggiore della sua storia in Serie A dopo quello del 1997/1998 quando giunse ultimo e rappresentò la prima retrocessione dell’era Ferlaino) realizzò un gol importante contro la temibile Juventus di Del Piero e Zidane. Purtroppo, dopo il gol di Stellone su assist di Sesa, la Juventus ribaltò il risultato con gol di Kovacevic e Del Piero. Del resto quel Napoli di soddisfazioni ne ebbe poche.ROBERTO STELLONE

Per quanto riguarda Stellone, la sua migliore annata da calciatore fu quella del 2004/2005 quando, in coppia con Diego Milito, nel Genoa realizzò 18 gol. Però, il giocatore romano trova nel Frosinone la sua nuova vita. Dopo due annate da calciatore, nel 2012/2013 ne diventa l’allenatore in Lega Pro. L’anno successivo ottiene un II posto che riporta il Frosinone in Serie B, e subito dopo, con un altro secondo posto dietro il Carpi, addirittura in Serie A.

Ripercorriamo allora queste ultime due promozioni.

Nel 2013/2014 il Frosinone giunge secondo nel girone B della Lega Pro Prima Divisione (l’attuale Lega Pro) alle spalle del Perugia. Mentre il Perugia è direttamente ammesso alla Serie B, Frosinone, Lecce, Catanzaro, L’Aquila, Pisa, Benevento, Pontedera e Salernitana devono disputare i play off insieme ad altre otto squadre del girone A. Nei play off l’11 maggio 2014 la Salernitana fu sconfitta 2 – 0 allo Stadio Comunale Matusa (prima della ristrutturazione del 2015 che ha portato la capienza dello Stadio a 10.000 posti). Quel giorno segnarono Paganini e Carlini. In Semifinale affrontò il Pisa, dopo lo 0 – 0 dello Stadio Anconetani, la situazione si risolse ancora al Matusa con un 2 – 1 con gol di Daniel Ciofani (fratello maggiore di Matteo) e soprattutto ancora di Luca Paganini nei minuti di recupero.

FrosinonestemmaLa promozione, però, avvenne dopo una durissima gara andata e ritorno con il Lecce (l’anno prima era stato proprio il Carpi a conquistare la promozione proprio con il Lecce), terminata ai tempi supplementari ancora allo Stadio Matusa. Dopo l’1 – 1 dell’andata (gol di Mirko Gori). Il 7 giugno del 2014 (è passato poco più di un anno) i tempi regolamentari si conclusero 1 – 1 (al vantaggio di Beretta rispose ancora Paganini). Ai tempi supplementari la partita si concluse 3 – 1 segnarono Alessandro Frara e Alessio Viola.

La promozione i Serie B era conquistata.

Nel 2014/2015 sempre allo Stadio Matusa (il Frosinone ha giocato tutte le sue partite più importanti in casa in questo Stadio) il 16 Maggio 2015 Daniel Ciofani e Federico Dionisi (2 gol) abbatterono il Crotone con un perentorio 3 – 1 (arbitro il napoletano Fabio Maresca, un po’ di Napoli nella storia del Frosinone c’è sempre). Quel giorno Bologna e Vicenza non andarono oltre l’1 – 1 contro la Pro Vercelli (il Bologna) ed il Livorno (il Vicenza). Il Bologna avrebbe poi conquistato la promozione nella finale dei play off contro il Pescara allo Stadio Dall’Ara il 9 giugno 2015.

Il nostro augurio al Frosinone (ed al suo allenatore) per un felice anno, sereno e vincente anno in Serie A.

Amedeo Gargiulo

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Amedeo Gargiulo

About Amedeo Gargiulo

Laureato in Lettere Moderne alla Federico II di Napoli nel 1997. Seconda Laurea in Storia all'Alma Mater di Bologna nel 2012. È insegnante di Materie letterarie negli Istituti di Istruzione secondaria di II grado alla Sez. Ospedaliera Gozzadini-S. Orsola di Bologna. È giornalista pubblicista dal 2017.