Gattuso out…anzi no! ADL riflette sul futuro della panchina del Napoli

Gattuso

Gattuso si riprende il Napoli. La permanenza ora dipende solo da lui

Le recenti prestazioni del Napoli potrebbero avere convinto De Laurentiis a confermare Gennaro Gattuso. In caso di cambio in panchina, diverse le opzioni.

Se avessimo la possibilità di viaggiare nel tempo con la DeLorean di Marty e Doc del capolavoro degli anni 80 “Ritorno al Futuro”, potremmo tornare ad un mese fa, più precisamente il 25 Febbraio 2021, e poter lasciare un qualsiasi tifoso del Napoli a bocca aperta, semplicemente dicendogli che Aurelio De Laurentiis vuole la conferma di Rino Gattuso come allenatore del Napoli. Sì, perché in soli 30 giorni il mondo azzurro è totalmente cambiato, specialmente nella figura del tecnico, mai come oggi, saldissimo sulla panchina partenopea. Dalla sciagurata eliminazione in Europa League, il Napoli ha incanalato 13 punti in 5 partite, battendo in trasferta prima il Milan e poi la Roma, rilanciandosi prepotentemente nella corsa Champions.

Tra Gattuso e ADL prove di pace

Aurelio De Laurentiis e Gennaro Gattuso ad inizio stagione erano sicuri di continuare a lavorare insieme e il rinnovo del contratto del tecnico pareva scontato. Gli scarsi risultati hanno cambiato gli scenari, al punto di far sembrare certo l’addio dell’allenatore. La stagione del Napoli è stata senza dubbio condizionata dalle assenze, che hanno reso il lavoro di Gattuso difficilissimo. L’allenatore ha avuto il merito di non perdere mai la leadership dello spogliatoio e ora che i tanti infortuni sembrano alle spalle, i risultati lo stanno premiando. De Laurentiis, che dal canto suo non ha mai pubblicamente voltato le spalle all’allenatore, sembra intenzionato a ricucire lo strappo per continuare insieme il progetto. Ad oggi se dipendesse solo dal Napoli la conferma del tecnico calabrese sarebbe certa. La palla ora passa a Gattuso, che dovrà decidere se voler proseguire in azzurro o se lasciare il Napoli.

Allegri, Juric o il Sarri bis, le possibili alternative degli azzurri

In caso di ribaltone in panchina, Giuntoli e ADL avrebbero la possibilità di scegliere tra molti allenatori, tutti diversi tra di loro, per storia personale e idee tecnico/tattiche. Tra i papabili troviamo sicuramente Max Allegri, desideroso di tornare ad allenare, che di certo non disdegnerebbe un eventuale proposta degli azzurri. Grande neo la richiesta di ingaggio, anche se De Laurentiis se convinto della scelta, potrebbe fare una follia, come già successo con Ancelotti. Un idea “low cost” potrebbe essere quella di Ivan Juric, da 2 anni tra i migliori allenatori della Serie A. Un ritorno alla difesa a 3, vista negli anni d’oro di Mazzarri, non convincerebbe a pieno le alte cariche del Napoli ma i risultati ottenuti con il Verona e la personalità dimostrata in campo e fuori, potrebbero essere argomenti convincenti per meritarsi la squadra partenopea. La suggestione più affascinante è quella che porta il nome di Maurizio Sarri: un ritorno di fiamma sarebbe romantico ma il successo non sarebbe affatto scontato. Al Presidente non piacciono le “minestre riscaldate” ma in questo caso uno spiraglio per un Sarri bis potrebbe esserci.

Mario Porcaro