Mihajlovic in conferenza stampa: “C’è chi dice zero tituli, io dico zero alibi!”

conferenza stampa mihajlovic
   

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, ha presentato il match contro il Napoli in conferenza stampa.

Le parole di mister Mihajlovic che, per la conferenza stampa, era accompagnato da Viola, riportate da TMW:

Con gli ultimi recuperi, chi ha a disposizione?
“Di quelli che hanno avuto il Covid abbiamo recuperato tutti, ma oggi è il primo allenamento che possono fare. Ci sono diversi giocatori acciaccati dopo la partita contro il Cagliari. Alcuni hanno recuperato alcuni no. In undici comunque ci saremo”.

Orsolini come lo vede?
“Non ha recuperato”.

Passata la rabbia di Cagliari?
“Un mio amico allenatore anni fa diceva ‘Zero tituli’ io dico ‘Zero alibi’. Mazzarri diceva che io mi sono lamentato delle assenze, ma non è così. Io mi sono lamentato della partita che si è giocata così presto, sapendo cosa poteva comportare. La gestione difficile è quella del post partita. Loro hanno fatto i furbi, lo sport insegna l’onestà e nel caso di Cagliari non c’è stata. E mi riferisco alle conseguenze che ha comportato, in primis nei confronti dell’incolumità dei giocatori. Come ho detto anche ai ragazzi quando abbiamo analizzato la gara, potevamo gestirla meglio. Non meritavamo di perdere, ma quando ti manca lucidità si fa più fatica a gestire certe dinamiche di gioco. Adesso guardiamo avanti, domani ci aspetta una partita bella e siamo pronti per giocarcela”.

Medel le chiederà di giocare?
“Si sono sicuro che lo farà, ma sono anche sicuro che non lo farò giocare. Dove posso non rischiare i giocatori, non lo farò. In quel ruolo ho la possibilità di scegliere un altro, quindi non rischierò Medel. Probabilmente entrerà a gara in corso, ma non giocherà dall’inizio”.

Cosa la sta convincendo di Binks?
“Ero sicuro che avrebbe fatto bene a Cagliari e lo sta facendo. Si è sempre allenato bene, e si è messo sempre a disposizione della squadra. Sono sicuro che farà bene”.

Come sta Skov Olsen?
“Skov Olsen sta facendo bene. Anche a Cagliari ha fatto bene. Qualche volta dovrebbe essere più propositivo, nonostante non giochi nel suo ruolo. Abbia mo tante soluzioni, quindi non ho ancora chiaro come e chi farò giocare domani, ma su Skov so che posso contare per due ruoli”.

Per Viola: Come ti senti? Hai pensato di andare via?
“Io sto molto bene, sto ritrovando la condizione e spero che il campo confermerà quanto percepisco. Io voglio stare qui e questo è il mio obiettivo primario. Sto aspettando la mia occasione, e voglio essere quel qualcosa che manca al Bologna”.

Quanto mancano i gol di Arnautovic?
“Una punta gioca per i gol, però lui si sacrifica anche molto. Non mi preoccupa la sua astinenza dalla rete, considerando che ha giocato anche non in condizione. Ora sono sicuro che nelle prossime partite potrà dare il meglio”.

Si sta parlando tanto di Skorupski, e l’errore con il Cagliari ha messo un po’ di voci sulla sua posizione. Un suo parere?
“Il problema del portiere è che quando fa un errore gli si da subito la colpa, perché si prende gol. Io però sono contento di Lukasz, sono molte di più le partite in cui ha fatto bene che quelle in cui ha giocato male”.

Il mercato?
“Io non sono il responsabile delle spese o della scelta dei giocatori, io sono il responsabile tecnico e alleno chi mi viene messo a disposizione. Si fa una riunione e si decide l’obiettivo, le necessità, ma poi il tutto dipende dal budget che la società ha a disposizione. Solo alla fine scelgo i giocatori con il direttore sportivo, ma sono sempre io che decido se c’è bisogno e chi bisogna prendere, insieme al ds”.

Avete fatto 27 è punti in un girone e se si arrivasse alla fine con 54 punti conquistati sarebbe un grandissimo successo, ma non è detto che si riesca a raggiungerlo…
“Io non mi ricordo una partita che noi abbiamo vinto senza meritare, ma mi ricordo diverse partite in cui abbiamo perso demeritando. Poi può succedere che si perdano dei punti… Per questo dico che i 27 punti sono tanti, e se continuassimo così raggiungeremmo il nostro obiettivo. In alcuni reparti siamo corti e la società farà di tutto per migliorarsi, però a prescindere non vogliamo alibi e proveremo comunque a fare del nostro meglio. Una rosa più completa ci aiuterebbe sicuramente”.

Con Saputo avete parlato di mercato?
“Si si, ne abbiamo parlato”.

Dominguez come sta?
“Per ora è disponibile. Aspettiamo la sosta poi vediamo”.

In caso di operazione quali saranno i tempi di recupero?
“Penso si parli di almeno 3 mesi, se va tutto bene. Nulla però è ancora deciso”.

Ci dice qualcosa del Napoli e di Spalletti?
“Spero che domani non vincano, poi che vincano tutte le altre. Ho visto la partita, se noi siamo stanchi loro devono essere stanchissimi. Loro hanno fatto diverse partite in più… e sappiamo che nel calcio non vince sempre e per forza quello più forte”.

Per Viola: Quanta voglia c’è di dimostrare per riguadagnarti la Serie A anche l’anno prossimo?
“Il mio percorso è un po’ travagliato, io ora sento solo la necessità di dimostrare il mio valore e aiutare la squadra. Questo per me è un punto di partenza… Sono molto felice di stare qui e voglio giocarmi tutte le mie carte qui”.

Per Viola: Quando sei arrivato qui hai detto che avresti potuto imparare tantissimo da Mihajlovic sulle punizioni. Come sta andando?
“Sono aperto a qualsiasi consiglio e sono sicuro che dal mister posso imparare tantissimo, soprattutto sulle punizioni. Ho un grande maestro”.

Voto alla punizione di Orsolini?
“Tra l’8 e l’8 e mezzo. Quando ha fatto gol gli ho detto ‘Era quasi come le mie’. Era incredulo dopo averla calciata, sono contento per lui”.

Ha seguito la partita di Barrow?
“Non l’ho seguita ma mi ha detto il direttore che ha fatto molto bene”.

Mario Scala

Il grande giornalista pone le domande giuste per far emergere ciò che altrimenti resterebbe nascosto.

View all posts by Mario Scala →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×