Napoli: gennaio e febbraio fino ad ora

Barcellona-Napoli

“30 giorni ha novembre con april, giugno e settembre, di 28 ce n’è uno, tutti gli altri ne han 31”, così recitava la classica filastrocca imparata alle scuole elementari per far ricordare meglio ai bambini il numero di giorni che hanno i vari mesi dell’anno. Ma per i tifosi ed i giocatori del Napoli non occorre nessuna filastrocca o trucchetto mnemonico per capire che il 2022 è partito davvero bene.

La squadra del capoluogo campano può infatti aspirare tranquillamente al primo posto in classifica visto che si trova ad un solo punto di distanza dalla lombarda Inter, 52 punti a 53 con una serie di 4 vittorie di fila, ma cerchiamo di “non gufare” come si dice di solito. Ad ogni modo gli appassionati di scommesse potrebbero cogliere l’occasione per piazzare qualche quota vincente serie A.

Lo scontro finale, per usare un termine da film o da fumetto di supereroi, tra le due squadre avverrà dunque questo sabato 12 febbraio alle ore 18.00 ed i giocatori di Mister Luciano Spalletti sono più che pronti a dimostrare tutto il loro valore sul campo. Come finirà ancora non si sa, ma diciamo che siete avvertiti, tenetevi un posto libero sulla vostra agenda!

Per il momento vi possiamo dire che Spalletti, come già scritto sul Corriere dello Sport, sembra aver quasi ultimato la formazione che vorrà vedere in campo questo sabato 12 febbraio. Il Mister “sembra orientato a confermare quasi in blocco la squadra che ha vinto con il Venezia. Quasi: perché se Lobotka è candidato ad aggiudicarsi il testa a testa con Anguissa, sabato in difesa dovrebbe tornare il campione d’Africa: Koulibaly. Kalidou con Rrahmani e fuori Juan Jesus, ma non per una questione di demeriti. Oggi, in occasione del primo allenamento per i due reduci dalla Coppa, se ne saprà di più. Per il resto, da Ospina a Osimhen sarà come la domenica con vista sulla Laguna: una filastrocca”.

Ma per quanto riguarda i “precedenti” del Napoli com’è andata questa prima parte dell’anno nuovo? Davvero una buona domanda, cerchiamo di capirlo assieme.

Dopo un dicembre 2021 leggermente sotto tono, il Napoli ha cominciato l’anno con un pareggio, finito uno a uno, contro la Vecchia Signora (Juventus) in occasione dell’Epifania per poi rifarsi contro la Sampdoria qualche giorno dopo (1 a 0).

Ma l’entusiasmo è durato ben poco perché, purtroppo, ci hanno pensato i viola del Fiorentina a smorzarlo. In che modo? Con una vera e propria batosta, 5 a 2, che ancora riecheggia nelle case dei tifosi.

Dopo questo mezzo passo falso, il periodo di tempo che intercorre tra gennaio e febbraio, sembra aver premiato gli sforzi e l’impegno dei ragazzi di Spalletti. Il Bologna si porta a casa un sonoro 2 a 0 il 17 gennaio, la Salernitana ci prova ma viene spazzata via da un devastante 4 a 1 il 23 gennaio ed il Venezia affonda con un 2 a 0 che ha ben inaugurato il mese di febbraio (era il 6). Un anno che è iniziato tutto sommato bene e che deve proseguire in tale maniera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.