Napoli: Mertens e la via della rete perduta!

   

Si và avanti con i titolarissimi, nessuna incertezza su questo: in campo andranno gli undici che hanno risposto presente, con una straordinaria prestazione a Torino sotto tutti i punti di vista (tattico, atletico, tecnico e caratteriale). In attacco  c’è Mertens che però non segna da due mesi ma proverà a sbloccarsi proprio al Franchi, lì dove segnò il suo primo gol in maglia azzurra nel 2-1 del 2013. Un periodo buoi per il belga che però contro la squadra bianconera ha dato segnali di dinamicità e sacrificio ma soprattutto per il grande contributo in fase di pressing: ora si attende un suo squillo di tromba che si fa attendere da sette partite, un lasso di tempo lungo come quello già vissuto tra novembre e dicembre quando  si sbloccò contro l’Atalanta. Inizia lui oggi, con Milik pronto a subentrare, Mister Sarri sa adesso di poter contare sul  polacco che ha già segnato due gol dal suo rientro e dopo il grave infortunio al ginocchio. La staffetta già collaudata  sia al Meazza contro il Milan che in quel di Torino contro l’attuale capolista. Giornata speciale per Insigne che raggiunge Maradona nel numero di presenze con la maglia del Napoli (259). Molto atteso anche Hamsik che con Mertens, Callejon e Allan è uno dei quattro azzurri ad aver giocato tutte le partite di campionato.