Napoli-Torino: la storia del club granata

torino

Questa sera, al San Paolo, si giocherà Napoli-Torino, scopriamo insieme la storia del club granata.

Un club dal passato glorioso e che, per anni, ha dominato nel campionato italiano.
ll Torino Football Club, meglio conosciuto come Torino, è una società calcistica italiana con sede nella città di Torino. Il club odierno, rifondato nel 2005, è la continuazione dello storico sodalizio sorto nel 1906 dalla fusione tra il Football club Torinese e soci dissidenti del Football Club Juventus e denominato Foot Ball Club Torino sino al 1936, Associazione Calcio Torino fino al 1943, dal 1945 al 1958 e ancora dal 1959 al 1977, Torino FIAT nel 1944, Associazione calcio Talmone Torino nel 1958-59 e Torino Calcio dal 1977 al 2005. Milita nel campionato di Serie A dove attualmente occupa l’8 posto con 34 punti, frutto di 8 vittorie, 10 pareggi e 5 sconfitte.

LA STORIA– Il “Toro”, com’è colloquialmente abbreviato, è tra i club più blasonati d’Italia. Vanta la conquista di 7 Campionati italiani compresa una striscia di 5 titoli consecutivi all’epoca del “Grande Torino”, quest’ultima riconosciuta come una delle squadre più forti degli anni 1940.Nel suo palmarès nazionale figurano, altresì, 5 Coppa Italia mentre in ambito internazionale si segnala la vittoria della Coppa Mitropa nel 1991; la finale di Coppe Uefa che disputò nell’edizione 1991-1992, inoltre, è il maggior risultato raggiunto in una competizione Uefa dalla società. Il Torino è stata la prima squadra italiana riuscita a centrare un double nazionale nella stagione 1942-43.

LA SOCIETA’– Dopo il fallimento del 2005, l’imprenditore dell’editoria Urbano Cairo, rilevò la società che guida ancora oggi. La squadra è allenata dall’ex tecicno del Napoli, il toscano Walter Mazzarri, che all’ombra del Vesuvio ancora ricordano con affetto.

LO STADIO-Il Torino ha cambiato diversi stadi: al Delle Alpi, costruito per la Coppa del Mondo del 1990 giocò dal 1990 al 2006. In seguito alla ristrutturazione operata per renderlo adatto a ospitare la cerimonia di apertura e di chiusura dei XX Giochi Olimpici di Torino nel 2006, la squadra tornò a giocare all’ex Comunale Vittorio Pozzo, ribattezzato “Olimpico”. Nel 2016 grazie ad un accordo tra società e comune lo stadio  fu dedicato alla memoria del Grande Torino. La capienza è di 28.140 posti tutti al coperto e a sedere, ridotta di circa 38 000 posti rispetto a quella originaria. Tale riduzione è dovuta al rispetto delle più moderne ed esigenti norme di sicurezza: rientra nella categoria 4 UEFA, vale a dire quella con maggior livello tecnico.