Napoli, un 2021 tra alti e bassi

Napoli 2021
   

Il 2021 del Calcio Napoli, un saliscendi di emozioni.

Il 2021 per il Napoli non possiamo considerarlo un anno positivo, partendo dalla finale persa di Supercoppa contro la Juventus, all’eliminazione in Europa League ai sedicesimi contro il Granada, concludendo poi con la mancata qualificazione in Champions League, pareggiando in casa con l’Hellas Verona nell’ultima giornata di campionato 2020-2021. Tutto l’ambiente che grava intorno al club azzurro era in forte depressione, i tifosi si chiedevano quale futuro poteva avere la propria squadra vista la pessima annata sportiva.

Stagione 2021-2022, inizia il ciclo Spalletti.

Dopo le innumerevoli delusioni dell’annata scorsa il presidente Aurelio De Laurentis ha deciso di esonerare Rino Gattuso chiamando alla guida del Napoli mister Luciano Spalletti, allenatore di grande esperienza, un allenatore vincente che, attraverso la sua filosofia calcistica, ha rivitalizzato ambiente e squadra. La cura Spalletti ha dato i suoi frutti già dalle prime giornate di campionato, si vedeva infatti un gruppo unito con una marcia in più, con giocatori ringalluzziti. Questo fino a novembre, dove per colpa degli infortuni, il club azzurro ha perso la testa della classifica ritrovandosi ora a meno sette dall’Inter capolista. Anche se la fine del girone di andata non è stata positiva, con le sconfitte in casa con Empoli e Spezia, il 2022 si prospetta un’annata con più certezze legate anche alla positività che gira sia nel gruppo squadra che nel gruppo dirigenza. Questo grazie all’ottima direzione in panchina di mister Spalletti che ha recuperato giocatori che erano caduti in depressione nella precedente guida tecnica, il morale è tornato alto, ora tutti i calciatori e la Società sono consci di poter fare un 2022 da protagonisti. Già dal rientro della sosta si parte subito con il botto, con una sfida affascinante allo Juventus Stadium contro i rivali bianconeri, match sempre carico di tensioni, non dimenticando poi che alla ripresa dell’Europa League ci sarà una grande sfida da i tanti significati, Napoli-Barcellona, due squadre legate indissolubilmente al nome di Diego Armando Maradona.

Il 2021 di Lorenzo Insigne.

Un 2021 importante anche per il capitano del Napoli, Lorenzo Insigne, miglior marcatore della stagione 2020-2021, realizzando ben 19 gol con Gattuso, non dimenticando poi la vittoria dell’Europeo con la propria nazionale, dove è stato assoluto protagonista riempendo di gioia tutta l’Italia. Un 2021 reso celebre anche per il famoso ‘tiraggiro’ divenuto di uso comune con riferimento proprio al capitano o ai giocatori che ne imitavano la tecnica di tiro durante il vittorioso campionato d’Europa 2020. L’unica nota stonata di quest’anno è il mancato rinnovo contrattuale, si fanno sempre più insistenti le voci di un accordo con il Toronto Calcio allontanando definitivamente il capitano azzurro dopo 10 anni intensi dal Calcio Napoli.

2021: Diego Armando Maradona vive.

Dopo la scomparsa del campione argentino avvenuta il 25 novembre 2020, tutto il mondo non ha mai dimenticato l’asso argentino. Numerose sono state le celebrazioni dedicate al Pibe de Oro, Napoli si è stretta nel ricordo dell’amato campione, in città ed in provincia ci sono state molte dimostrazioni di affetto in suo ricordo. Per i napoletani, Maradona non è mai andato via, tutti ne parlano al presente, mai al passato, considerandolo sempre vivo nella vita di tutti i giorni.

Vincenzo D’Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×