Parla Mirko Valdifiori, testimonial azzurro per il reality sportivo di SkySport

Siamo un gruppo solido che ha armonia e che vuole fare bene quest’anno“. Ha cosi aperto la sua intervista a Fabio Caressa il centrocampista del Napoli Mirko Valdifiori, ospite e testimonial d’eccezione della seconda edizione di ‘Quasi Amici’, il programma tv ideato e curato da Pasta Garofalo, main sponsor proprio del Napoli, ed in onda su Sky Sport che partecipa in qualità di Media Partner. Il docu-reality è un progetto proteso ad avvicinare le tifoserie nel calcio e creare momenti di aggregazione allo stadio attraverso il messaggio dei sostenitori più giovani che verrà inaugurato nel suo secondo anno proprio in concomitanza di Napoli-Fiorentina del 18 ottobre.

“Il Napoli sta giocando da squadra e credo sia stato importante anche qualche momento non semplice come il pareggio con la Samp – ha proseguito il regista azzurro – E’ stata una partita importante perché non abbiamo perso la testa nonostante il pareggio. La squadra è rimasta unita ed ha provato a vincere la partita. Non ci siamo riusciti ma abbiamo avuto la consapevolezza che per 50 minuti avevi giocato un gran calcio e che bisognava solo aumentare il minutaggio per disputare 90 minuti a gran ritmo come è poi si è verificato dopo”.

Infine le parole di Valdifiori sul legame indissolubile con il suo tecnico, Sarri:  “Insieme a Sarri abbiamo raggiunto grandi traguardi ad Empoli, ma lui è un allenatore che guarda sempre il campo e non ha alcuna preferenza. Anche grazie a questa filosofia oggi siamo una squadra solida che ha armonia e mentalità giusta. Lui ha le sue idee e le inculca alla squadra sin dal primo allenamento. Sarri ci ha dato una identità precisa, stiamo raccogliendo bei risultati ma la strada è lunga e dobbiamo proseguire lavorando“.

Massimo Avino

Parla Mirko Valdifiori, testimonial azzurro per il reality sportivo di SkySport

fonte: sscnapoli

Massimo Avino

Massimo Avino

"La prossima volta voglio nascere a Napoli ed essere napoletano a tutti gli effetti" (Lucio Dalla)

View all posts by Massimo Avino →