PRIMAVERA (GIR. C)- Il punto alla sosta natalizia: “pazza” Virtus Entella, Inter “show”, Roma e Genoa “sul pezzo”. Bologna e Palermo ci provano, Salernitana: così non va!

primavera

Primavera Girone C: il 14 Gennaio si torna di nuovo in campo per l’ultima giornata del girone d’andata. Di seguito il punto dopo la sosta natalizia.

GIRONE C- Cinque squadre in quattro punti. Guida la classifica l’Inter di mister Stefano Vecchi con trenta, frutto di dieci vittorie e due sconfitte. Solo i Campioni d’Italia della Roma e il Novara battono i nerazzurri che non pareggiano mai in campionato. La società nerazzurra si “coccola” il capocannoniere della squadra, Andrea Pinamonti, protagonista indiscusso della compagine lombarda. L’attaccante classe ’99 di Cles fa anche il suo esordio in Europa League nell’incontro Hapoel-Inter del 24 novembre scorso, in cui serve un assist vincente per Eder.

Alle spalle dell’ Inter troviamo la Virtus Entella con 28 punti, vera rivelazione di questo inizio di stagione. Alla 1^g. i liguri superano la Roma di mister Alberto De Rossi in rimonta – da 2-0 a 2-3 – e non solo, i ragazzi di mister Castorina si tolgono anche la soddisfazione di vincere  in trasferta contro il  Bologna (rileggi la diretta live) e in casa contro la fortissima Atalanta.

La Roma campione in carica occupa il terzo posto insieme al Genoa di mister Cristian Stellini. I giallorossi dimostrano di essere una macchina da gol realizzandone ben 37, di cui 21 solo dalla coppia Soleri- Keba. I capitolini confermano questa peculiarità anche nella finale di Supercoppa Italiana contro l’Inter battendola per 4-0 (clicca qui per l’articolo). In Youth League “percorso campioni” la squadra di mister Alberto De Rossi si qualifica per lo spareggio pre-ottavi contro il Monaco, match che tra l’altro si giocherà in gara unica a febbraio presso lo Stadio “Tre Fontane”. I rossoblù invece, trascinati dai gol dello spagnolo Raul Asencio e del giovanissimo Pietro Pellegri (5 reti) classe 2001 ottengono nove vittorie e tre sconfitte, contro Atalanta, Bologna (rileggi la diretta live) e Roma. Pellegri giovedì 22 dicembre tocca il cielo con un dito in quanto esordisce in Serie A in occasione di Torino-Genoa 1-0 (18° giornata), battendo il record di Amedei che resisteva da 80 anni.

L’Atalanta di mister Valter Bonacina si trova al quinto posto, l’ultimo che vale l’accesso ai play off. Contro le prime quattro i bergamaschi vincono due gare – Genoa 2-4 e Roma 1-0 – ma ne perdono altrettante – Virtus Entella 3-1 e Inter 1-3. Tra i nerazzurri moltissimi sono i giovani talenti da segnalare: dal bomber Christian Capone autore di 10 reti, al difensore  Alessandro Bastoni già in orbita prima squadra (clicca qui per l’articolo), ma anche Emmanuel Latte Lath, Alessandro Mallamo, Melegoni, Ogliari e Del Prato.

Un po’ in ritardo il Bologna, che occupa la settima posizione con 17 punti. I felsinei partono bene in campionato in quanto nelle prime 4 gare conquistano l’intera posta in palio in tre occasioni portandosi a – 2 dalla capolista Genoa. Dalla 5^g.  alla 9^ g. i rossoblù rovinano la classifica perdendole quasi tutte (clicca qui per l’articolo). Mister Paolo Magnani carica i suoi ragazzi e alla 10^g. arriva una vittoria contro il Cagliari e poi un pareggio a Novara per 0-0, ma alla 12^ nonostante una grande prova in casa contro l’Inter giunge una sconfitta che brucia ancora per 0-2. La squadra mostra individualità importanti in questi mesi, tra cui i veterani Bianconi e Tazza, in attacco Okwonkwo  autori di sei reti (clicca qui per class. marcatori), Trovade e Tabacchi. Da segnalare anche i ’98 Silvestro e Brignani e il portiere ’99 Ravaglia con già alle spalle qualche panchina in serie A. Il “materiale” per risalire in classifica è di ottima qualità, bisogna lottare per conquistare un posto nei play off (clicca qui per l’articolo) che manca da anni, lo merita la società e lo meritano anche e soprattutto i ragazzi in campo, in attesa di partecipare probabilmente nei prossimi mesi al Torneo di Viareggio.

Il Palermo di mister Bosi è a 20 punti ed occupa il sesto posto, ma l’inizio è da dimenticare per i rosanero che colgono solo 2 punti nelle prime 5 giornate. Alla 6^g. arriva la prima vittoria per 2-0 contro il Frosinone e 7 giorni dopo, con lo stesso risultato, i siciliani sconfiggono il Crotone. La “chicca” dell’anno che risolleva la squadra restituendole morale e fiducia arriva sabato 10 dicembre con la prestigiosa vittoria per 1-3 sul campo della Roma campione d’Italia in carica. Infine, la Salernitana di mister Savini è ultima. Tra la 7^ e l’8^g. (clicca qui per focus prime 6 giornate) arrivano altre due sconfitte contro Virtus Entella e Roma e la squadra incassa ben 9 reti nelle 2 sfide. Alla 9^ e 10^g. ancora ko con l’identico risultato: 1-0 contro Crotone e Palermo, due match in cui i granatini lottano ma non portano a casa punti per risalire la china. Anche l’11^ e la 12^ g. risultano nefaste a Paolella e compagni sconfitti per 4-5 in casa contro il Genoa e 3-1 sul campo del Frosinone.

CLASSIFICAInter 30, Virtus Entella 28, Roma 27, Genoa 27, Atalanta 26, Palermo 20, Bologna 17, Novara 17, Crotone 16, Cagliari 13, Pisa 7, Ternana 7, Frosinone 7, Salernitana 3

MARCATORI: 13 RETI: Pinamonti (Inter) 11 RETI: Soleri (Roma). 10 RETI: Keba Coly (Roma), Capone (Atalanta). 7 RETI: Asencio (Genoa), Galli (Crotone), Bonfiglio (Palermo). 6 RETI: Puntoriere (Virtus Entella), Lupoli (Pisa).

Giovanni Zangaro

Giovanni Zangaro

Scouting presso Intermediario Fifa

View all posts by Giovanni Zangaro →