QUESTIONE DI MODULI – Sassuolo-Napoli, giovinezza contro esperienza

 
 
lecce napoli tattica
   

La 27ma giornata di campionato vedrà impegnato il Napoli sul campo del Sassuolo domenica 10 marzo alle ore 18:00.

Il Sassuolo di De Zerbi

L’ex calciatore del Napoli schiera i suoi con un classico 4-3-3. Pegolo è il portiere titolare. Lirola e Rogerio saranno i terzini mentre ad affiancare il centrale Ferrari è in corso un ballottaggio tra Demiral e Magnani. Locatelli e Duncan saranno invece le mezzali, per il ruolo di centrale indecisione tra Magnanelli e Sensi. In attacco, gli esterni saranno Berardi e Djuricic mentre il ruolo di punta centrale è conteso da Babacar e Matri.

De Zerbi preferisce che la sua squadra organizzi il gioco dal basso, cercando dai primi passaggi di avere superiorità numerica in termini di disposizione in campo. Per fare ciò sfrutta molto il portiere ed i centrali, i terzini vengono adeguati al tipo di pressing applicato dagli avversari. Nel 4-3-3 fondamentale è il movimento delle mezzali, è ciò che conferisce la caratteristica al modulo. Per il Sassuolo, al fine di aggirare la densità a centrocampo, la mezzala del lato debole si adatta al movimento del reciproco avversario. Garantisce ampiezza oppure attacca la linea di difesa.

Per la fase realizzativa gli esterni di attacco vengono schierati per poter giocare sul lato opposto al piede forte. L’attacco degli spazi è alla base dei movimenti dei neroverdi, se l’esterno di attacco di accentra, la mezzala si propone sul fondo attaccando il terzino. Tale movimento impegna sia un centrale che un terzino e crea lo spazio per la punta centrale che rientra in zona d’attacco dopo aver creato spazio.

Il principio difensivo è la zona, i centrali difensivi seguono i tagli degli attaccanti avversari con diagonali profonde. A scalare in copertura nella zona libera è il centrocampista centrale. Da ciò può scaturire che si vengano a creare aree scoperte davanti alla linea difensiva.

Il Napoli di Carlo Ancelotti

Gli azzurri si affacciano alla sfida agli emiliano dopo due partite dagli umori contrastanti: la sconfitta interna contro la Juventus in campionato e la vittoria in EL contro il Salisburgo, entrambe al San Paolo. Confermato il 4-4-2 da Ancelotti. Tra i pali, con Meret squalificato, ci sarà Ospina. Difesa schierata con Malcuit a destra, Maksimovic e Koulibaly centrali, a sinistra uno tra Mario Rui e Ghoulam. Si può iniziare a parlare di centrocampo titolare con Callejon, Allan, Fabian Ruiz e Zielinski. Leggeri dubbi per Fabian Ruiz e Zielinski con Diawara e Verdi che scalpitano per una maglia da titolare. In attacco il solito ballottaggio tra Milik e Mertens per affiancare il capitano Lorenzo Insigne.

Le manovre di attacco dei neroverdi, con i movimenti tra esterni e mezzale metteranno a dura prova sia Allan che i terzini azzurri in fase di difesa. In attacco invece il Napoli dovrà essere bravo a sfruttare in velocità gli spazi che posso crearsi tra la linea di difesa e quella di centrocampo. Gli uomini chiave sarano Duncan ed Insigne.

Mario Scala

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *