Razzismo contro Napoli e napoletani, arriva la risposta del Consiglio d’Europa sull’esposto dei neoborbonici

In occasione dell’inizio del campionato del Napoli proprio a Verona (città storicamente “anti-napoletana”), arriva la risposta del Consiglio d’Europa (ECRI: Commissione contro il razzismo e l’intolleranza) all’esposto inviato dal Movimento Neoborbonico alla fine dell’ultimo campionato.
La portavoce della Commissione, Paula Eck-Walters, ha comunicato di aver inoltrato ai responsabili per l’Italia il dossier dei neoborbonici assicurando un opportuno monitoraggio della situazione per i prossimi mesi.
Nell’esposto si denunciava il mancato intervento delle autorità calcistiche, delle istituzioni e dei media nazionali di fronte ai reiterati episodi di razzismo antinapoletano sugli stadi italiani.
Dal 2012, del resto, sono state progressivamente eliminate le sanzioni previste per le “discriminazioni territoriali”.
Lo stadio è, soprattutto per i più giovani, cassa di risonanza e strumento di diffusione di idee e preconcetti che possono diventare un vero e proprio e immotivato odio razziale (appena 3 anni fa il povero Ciro Esposito -come confermato dalle motivazioni della sentenza di condanna- fu vittima, solo in quanto “napoletano”, di questo clima di -sottovalutato- odio).
Tanti Napoletani (milioni) si sentono sempre meno rappresentati e difesi e, di fronte al silenzio delle autorità locali e nazionali, possono solo confidare nell’intervento di autorità sovranazionali per chi sistematicamente si augura la morte dell’intera popolazione napoletana o ci definisce, anche in assenza di Napoletani, “cani, sporchi” o, facendo riferimento a tragedie realmente vissute dai Napoletani “colerosi e terremotati”. Non si tratta, evidentemente, di cori da stadio o di ironia e se i Napoletani sono ormai nauseati da questa situazione, è urgente e necessario un intervento.
Il Movimento Neoborbonico per questo motivo ha ringraziato Consiglio d’Europa in attesa dei prossimi e reciproci aggiornamenti.

Fonte: Ufficio stampa Neoborbonici.it