TOP & FLOP – Napoli-Udinese, il migliore ed il peggiore azzurro in campo

 
 
Napoli
   

Napoli-Udinese 4-2. Calano il poker gli azzurri. Anche se non agilmente superano l’ostacolo Udinese e consolidano il secondo posto in campionato.

C’era un solo risultato per il Napoli per ritrovare l’entusiasmo necessario per proseguire con giusto piglio sia in campionato che in Europa. La serata oltre a regalare la vittoria ha visto il ritorno al gol di Dries Mertens. Il match parte male, subito apprensione per un colpo alla testa per il portiere azzurro David Ospina a seguito di un contatto con Pussetto. Prontamente lo staff medico azzurro presta le cure al colombiano che giocherà con una vistosa fasciatura. La prima occasione gol per il Napoli è sui piedi di Koulibaly che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, viene cercato in area da Milik ma il suo tiro è debole e centrale. Ma ormai ci siamo, dopo due minuti si libera in area Amin Younes, lo vede l’attivissimo Mertens ed il tedesco la mette dentro “alla Insigne”. Il vantaggio regala al Napoli più libertà di pensiero e fluidità di gioco. Al 26′ ancora protagonista Younes che lancia Mertens sul lato destro, palla al centro del belga per Callejon che porta il Napoli sul doppio vantaggio. Quest’ultimo dura solo 5′, Lasagna accorcia le distanze per i friulani. E’ probabile che l’intervento poco reattivo di Ospina sia causato dal precedente infortunio ma c’è da segnalare che Fofana ha tagliato la difesa azzurra con troppa facilità per poi servire il compagno in area. Siamo al 37′, l’azione corale dell’Udinese parte e termina dai piedi di Fofana, ancora non impeccabile Ospina. Il portiere azzurro tiene col fiato sospeso tutto lo Stadio San Paolo al 41′: il colombiano si accascia al suolo. Entra in campo la barella per valutare le condizoni del numero uno azzurro. Dopo pochi minuti esce Ospina accompagnato dagli applausi del San Paolo. Per lui subito TAC, esito positivo, solo un grande spavento. Subentra Meret.

Comincia la ripresa sul risultato di 2-2 e sale in cattedra Carlo Ancelotti per riportare la partita sui binari giusti. Difesa a 3, dentro Verdi per Younes (autore di un memorabile esordio da titolare) e Mertens spostato a destra. Napoli di nuovo in vantaggio al 57′, gol di Arek Milik che, imbeccato con un cross da calcio d’angolo, sovrasta Mandragora e batte Musso. Il Napoli torna a fare il Napoli. Al 62′ Dries Mertens serve il poker ai bianconeri. Servito sul lato destro da Allan, si accentra, supera due avversari e, di sinistro, la insacca sul palo lontano. Un gol a specchio rispetto a molti gol del belga schierato a sinistra. Sfiora la doppietto Milik ancora di testa al 71′ ma la palla termina di poco a lato. Il Napoli è padrone del match, la posizione di offside di Zielinski gli nega la gioia del gol all’89esimo minuto. Vittoria importantissima per il Napoli davanti al proprio pubblico.

TOP – Mertens

Si può dire “finalmente”? Si? Allora diciamolo, finalmente la palla è entrata. Il folletto belga corona con un bel gol le ultime uscite nelle quali ha ritrovato più smalto. Anche stasera ha fornito assist ed ha corso per i compagni. Torna al gol nel momento migliore, in concomitanza con l’infortunio di Insigne. Ritrovato!

FLOP – Allan

Contro la sua ex squadra una delle partite meno produttive del brasiliano. Sempre energico e combattivo ma poco efficace. Sicuramente colpevole nei contropiede in cui si è resa protagonista l’Udinese. Sotto tono!

Mario Scala

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *