Annunziata: “Il Napoli rischia di perdere i tifosi, troppe multe al Maradona”

ffp2
   

Annunziata sulla questione multe al Maradona

Il giornalista Giovanni Annunziata, attraverso un editoriale pubblicato su calciomercato.com, ha posto l’attenzione su quanto sta succedendo ai tifosi azzurri che frequentano lo stadio Maradona. Ecco quanto dichiarato:

“C’è un aspetto che fa discutere a Napoli e riguarda la partecipazione tutt’altro che massiccia da parte dei supporters allo stadio Maradona. Storicamente, il più grande punto di forza del Napoli è proprio la tifoseria. L’ex San Paolo ha sempre saputo trascinare la squadra, soprattutto nei momenti più difficili o delicati riuscendo a strappare imprese memorabili sul campo. Caratteristica riconosciuta da chiunque, per cui andare a giocare in trasferta a Napoli non è una passeggiata mai per nessuno, specialmente per l’atmosfera importante che si crea nel singolo evento. Nell’ultimo anno e mezzo si è sentita l’assenza dei tifosi, la squadra di Gattuso ha mostrato molte insicurezze che avrebbero potuto essere nascoste da un popolo capace di trascinare l’intera squadra verso risultati e prestazioni differenti. Un ritorno alla normalità si è iniziato a vedere a fine agosto, tra la sfida contro il Venezia e quella contro la Juventus. Anche se non è tutto oro quel che luccica perché, nonostante l’importanza di un match come quello di cinque giorni fa e i posti ridotti al 50%, il Maradona non ha visti riempiti tutti i suoi posti a disposizione”. Mancano i tifosi, dunque, allo stadio. Quei tifosi che tanto hanno contribuito alle vittorie, ma che oggi rischiano di scontrarsi con una realtà che tende a mettergli i bastoni tra le ruote. In seguito a Napoli-Venezia c’è stata una raffica di multe che ha colpito chi non ha rispettato il proprio posto, chi ha sventolato una bandiera, chi si è fermato qualche minuto in più presso le vie di fuga della struttura. Da qui la decisione di disertare lo stadio, l’assenza dei gruppi organizzati, degli ultras di non presenziare in occasione di Napoli-Juventus. Questo problema, però, non nasce oggi ma dall’estate del 2019 quando, in occasione delle Universiadi, lo stadio venne ristrutturato inserendo delle telecamere all’avanguardia con riconoscimento facciale. Già nei mesi antecedenti al Covid partì la protesta degli ultras con lo stadio di Napoli che si mostrò quasi vuoto. Con queste nuove regole alcuni problemi si riescono ad evitare, ma bisogna anche andare incontro al tifoso, bisognoso di maggior libertà, di più possibilità di tornare ad essere un punto di riferimento per la squadra. Ad esempio, iniziando ad evitare multe banali come quelle del cambio posto, dato che, se d’accordo, due persone non fanno nulla di male invertendo le proprie postazioni. Così come l’introduzione dei famosi palchetti lancia-cori come accade all’Olimpico di Roma. O le bandiere che non sono un reale ostacolo ma rappresentano un’identità di una tifoseria. D’altronde non ci si trova ad una serata di gala, un evento cinematografico. Resta pur sempre uno stadio dove ad ogni gol segnato da parte della propria squadra si può liberare la propria voce urlando a squarciagola. Oggi a Napoli il problema c’è e deve essere superato: è un peccato vedere una squadra che ha entusiasmo e risultati dalla sua ma è costretta a dover rinunciare al suo cuore, i tifosi”.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Marolda: “A sinistra c’è un buco da tre anni, Mourinho ha più appeal di Spalletti”

Juventus, Kean: “A Napoli sono stato sfortunato, poi l’arbitro ha fischiato. Guardo avanti”

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Mara Maionchi fu tradita dal marito, lui: “Ho passato un’estate in ginocchio per farmi perdonare”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×