Pubblicato il: 5 Novembre 2019 alle 6:40 pm

Barbano: ”Napoli in crisi, ma non è colpa delle decisioni arbitrali”

Barbano

Barbano: Napoli in crisi, ma non è colpa delle decisioni arbitrali. Llorente-Kjaer? L’arbitro ha rinunciato ad andare a guardare il VAR

A ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Alessandro Barbano, per parlare della crisi del Napoli e di alcune decisioni arbitrali sbagliate a sfavore della squadra azzurra.

Queste le parole del vice direttore Corriere dello Sport:

“Alcune decisioni sbagliate arbitrali hanno sfavorito il Napoli. Chiaramente, ridurre la crisi del Napoli, agli arbitri, non lo pensa neanche Ancelotti.

Secondo me, il problema è un cattivo assortimento della rosa. Organico rafforzato da una campagna acquisti generosa, ma non equilibrata. A centrocampo manca una figura d’ordine, un regista.

Psicologicamente, il Napoli paga anche il pensiero di ‘eterno secondo’.  Penso che siano questi i fattori della crisi del Napoli. Nicchi e Rizzoli? Abbiamo detto che il regolamento così com’è è stato scritto con i piedi.

Il calcio è un gioco complesso e queste regole sono state scritte da giuristi che non sono giuristi. Alcune contraddittorie, abbiamo dimostrato che molte si contraddicono.

Il fallo di mano una volta era volontario, poi è stato cambiato con intenzionale, per indicare una volontarietà generica.

Quello di Callejon è un fallo intenzionale, perché alza il gomito. Il  fatto che sia attaccato al braccio non vuol dire nulla: c’è l’intenzione istintiva di regolare il pallone.

Affianco a questa statistica c’è legata la condotta colposa: non vuoi farlo, ma lo fai. Nel calcio ci sono degli esempi, molto generici.

Quando le braccia sono staccate dal corpo, sopra la linea delle spalle; ci sono delle eccezioni. Quando il calciatore si butta addosso da solo la palla, oppure quando la stessa giocata la fa un giocatore molto vicino ed è il caso degli ultimi tre episodi di De Ligt.

Nel caso di Belotti, la deviazione avviene ad una distanza molto ravvicinata, paradossalmente, quello non dato è più rigore, perché De Ligt stoppa il pallone con il braccio.

Si è creato un dualismo tra VAR e arbitro, se si osserva l’ultima partita in cui l’arbitro non concede rigore a Llorente, lì non ha visto niente, in tutti i sensi.

Nel momento in cui la palla arriva a Llorente, c’è un difensore dell’Atalanta che si pone sulla linea di visione, l’arbitro non vede nulla, per cui continua.

Il VAR controlla il contatto, lo giudica non rigore, passano 33 secondi durante i quali, l’Atalanta segna. Per la regola del vantaggio, il VAR non è intervenuto, l’arbitro rinucia ad andare a riguardare l’accaduto, tutto questo è assolutamente folle.” Conclude Barbano.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

UFFICIALE – Cori razzisti anti-Napoli all’Olimpico: arriva il verdetto del Giudice Sportivo per la Roma

Biasin: “Panchina Napoli, c’è chi dice che ADL abbia già scelto il nuovo tecnico per il prossimo anno: Gasperini”

Teotino sul Napoli: ”Molti conflitti di posizionamento in campo dei giocatori e su Koulibaly…”

Adl-Ancelotti, non c’è solo il ritiro a dividerli

Iavarone: “Tensione tra ADL ed Ancelotti! Ritiro scelta conseguenziale”

Renica sul Napoli: ”Manolas e Koulibaly? Ognuno va per la propria testa”

Manolas in conferenza: “Siamo in difficoltà ma le qualità di questo gruppo ci faranno risalire, a partire da domani”

Ancelotti in conferenza: “Ritiro decisione del club, pensiamo solo al grande traguardo degli ottavi”

Fiorucci (ex arbitro): “Gli arbitri hanno paura di Nicchi perciò non vanno al VAR”

Gholuam a Le Buteur: ”Ho accusato un problema muscolare, non è nulla di grave”

Napoli in ritiro: De Laurentiis usa le maniere forti

Ti potrebbe interessare anche:

Pompieri morti ad Alessandria: chi sono le tre vittime dell’esplosione

Avatar

Vincenzo Vitiello

Giornalista --- Vice Direttore

View all posts by Vincenzo Vitiello →