Canè: “Devo tutto a Pesaola. Razzismo oggi? No, è solo un modo volgare di offendere”

 
 
canè
   

Nella ricorrenza del suo 80esimo compleanno, Jarbas “Canè” Faustinho ha rilasciato un’intrvista a Il Mattino.

Canè ha parlato di razzismo e della sua esperienza a Napoli.

Sul razzismo

Canè racconta un aneddoto:“Allora a Napoli di neri se ne vedevano pochi e ricordo i ragazzini al Vomero che mi dicevano, quasi con curiosità, nero, nero, nero… E io rispondevo bianco, bianco, bianco e tutti a ridere”.

In merito ai tempi moderni dichiara: “Non credo che si tratti di razzismo. L’ho già detto quando c’è stato il caso Koulibaly. Il razzismo è discriminazione, queste sono offese, anche se volgari, è voler innervosire l’avversario, voler disturbare le società. Non sanno come insultarti e allora ti gridano negro. Ma io venivo da un paese dove le differenze razziali si sentivano ancora. Noi neri eravamo la maggioranza, ma certo eravamo anche la parte più povera. Pensi che c’erano ancora dei club calcistici, come la Fluminense, dove giocavano due o tre campioni di colore ma non erano ancora ammessi alla vita sociale del club. Uno di questi era addirittura Didì, che tra l’altro era sposato con una bionda bellissima che si è poi data da fare parecchio per far cadere queste barriere e far accogliere il marito in pieno”.

Achille Lauro scelse lei perché potesse incutere timore agli avversari a causa del colore della pelle? “Questa storia è frutto della fantasia dei napoletani. Ma l’ho sempre accettata, mi sono adattato completamente al loro modo di pensare e di vivere”.

Pesaola

“Se non fosse stato per lui probabilmente non sarei nemmeno qui, me ne sarei tornato a Rio. Lui mi spostò a giocare da ala perché aveva capito che in quel ruolo avrei dato il massimo. Però anch’io ce l’ho messa tutta, perché non volevo che il mio sogno fallisse, anche se il Napoli di allora era una società disorganizzata. Pesaola ci riportò in serie A, ci fece vincere la coppa Italia e ci fece sfiorare lo scudetto. Poi entrò in collisione con Fiore, che era invidioso di lui, e se ne andò via. A vincere lo scudetto a Firenze. Ma poi tornò a Napoli e io gli sono rimasto vicino fino ai suoi ultimi giorni”.

La cessione al Bari

“Ricordo che lo scoprii in aereo mentre tornavo dal Brasile e uno steward mi fece vedere un giornale con la notizia in prima pagina: Canè al Bari. Se non fossi stato sposato, sarei tornato a Rio con quello stesso aereo. Mi sentii tradito, cercai di oppormi, ma allora c’era poco da fare”.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Fair play finanziario – Istruzioni per l’uso ed obiettivi

Scudetto Napoli – La ricetta di Ottavio Bianchi

Lecce-Napoli, la previsione tattica e le probabili formazioni

Juve, approvato il piano bilancio, ecco i dati del 2019

Conte sul litigio Lukaku – Brozovic: “Altri club più bravi a non far emergere notizie, c’è tanto da migliorare non solo in campo”

Radio Marte – Borghi: “A Lecce ci sarà ampio turnover, il Napoli non si è mai fermato su Fabian…”

Radio Sportiva – Renica: “Questo Napoli può fare cose importanti, Maradona è pazzesco”

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *