Cerimonia Maradona: De Laurentiis sul Napoli, Spalletti ed il progetto stadio

Cerimonia Maradona De Laurentiis

Cerimonia Maradona De Laurentiis

Cerimonia Maradona, le parole di De Laurentiis sul Napoli, Spalletti e progetto nuovo stadio

Cerimonia Maradona, nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, il sindaco Manfredi e ADL sono stati omaggiati da Stefano Ceci manager di Maradona. Il presidente del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni sul calcio Napoli. Di seguito le sue parole:

Cerimonia Maradona: le parole di De Laurentiis sul Napoli, Spalletti e l’annuncio sullo stadio

“Giochiamoci il campionato, siamo al terzo posto e mancano ancora due partite. E’ stato il campionato più cazzuto degli ultimi 20 anni. L’allenatore è un dipendente di grande carica, ho sempre dichiarato di aver fatto a Luciano un contratto di 2 anni con opzione a mio favore per un terzo anno.  Dite che ho una gestione padronale e che devo assumere nuove figure, ma io delle mie cose mi interesso come un film o una serie. Sentenziate cose che non ci sono in cielo o terra. Spalletti è qui, al momento non si è fatto una casa qui a Napoli. E’ lui che deve sentire questo bisogno di Napoli, lasciamolo lavorare e ambientare. Non ho rilasciato dichiarazioni per 8 mesi, c’era la necessità di conoscere allenatore e uomo. L’allenatore è formidabile e l’allenatore è serio, sono due cose che mi fanno dire ‘Aurelio, anche questa volta hai fatto centro’. Almeno 3 volte a settimana devo stare a Napoli e a Castel Volturno per intervenire e affrontare più problematiche, sono pronto a trasferire la FilmAuro a Napoli. Questi hanno famiglie, mogli ecc. Spalletti stesso ha una bambina di 10 anni e una moglie che vivono a Milano. Non è una situazione sempre facile, loro non sono marionette, ma persone con problemi, sentimenti e famiglie alle spalle”.

De Laurentiis: “Ho già un progetto a metà da dove si può ripartire. Un progetto delle stesse persone che hanno fatto lo Juventus Stadium. Questa città andrebbe ricostruita per metà. Potrebbe essere una delle città con maggior fatturato pubblico che si possa immaginare”

Si inserisce il sindaco Manfredi: “Mi accodo alle parole del presidente De Laurentiis, pronto uno stadio moderno. Dobbiamo mettere in campo i migliori aspetti per capire la fattibilità. Dobbiamo partire dalle cose concrete. Vediamo di lavorare insieme per capire cosa possiamo fare ragionando”.

De Laurentiis, prende la parola: “Il sindaco Manfredi mi ha detto che dello stadio deve occuparsene soltanto lui in prima persona. Io non mi sono intromesso nel suo operato. Faremo diventare con il sindaco il Maradona un bellissimo stadio, ma per farlo funzionare al top dobbiamo studiare tutto fino ai servizi e trasporti. Deve essere una struttura pienamente funzionante 7 giorni su 7. Abbiamo la volontà di fare, ma con i giusti tempi. Dobbiamo fare tutto con il rispetto anche delle persone che non sono tifose e che vivono in quelle zone dello stadio. Il nostro paese è più difficile rispetto in Inghilterra che c’è il calcio migliore d’Europa per tante cose, fino agli stadi e agli hooligans che con una legge sono stati fatti fuori. Qui con la ndrangheta e la camorra è più difficile fare cose e cacciarli. Siamo pronti a fare un super stadio che possa accontentare tutti, uno all’altezza di Napoli”.

Cerimonia Maradona De Laurentiis

 

 

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI  CLICCA QUI

Auriemma: “ADL con Spalletti unione forzata: il patron sogna Emery ed ha in mente altri 4 tecnici”

Manfredi e ADL omaggiati da Ceci manager di Maradona: svelata iniziativa che riguarda Scampia

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Prosegue il testa a testa tra Pd e FdI nei sondaggi politici