ESCLUSIVA Forzazzurri.net – Maurizio De Giovanni: “Il Napoli è ancora un cantiere aperto. Ecco chi prenderei per gennaio…”

De Giovanni Maurizio

Maurizio De Giovanni in ESCLUSIVA a Forzazzurri.net: “Il Napoli non ha un gioco definitivo e questo crea perplessità tra i tifosi. Su Ibrahimovic…”

La Redazione di Forzazzurri.net ha intervistato in esclusiva Maurizio De Giovanni, giornalista-scrittore partenopeo tifosissimo del Napoli. Con lui abbiamo discusso di tanti argomenti, tra i quali: il suo ultimo libro, le considerazioni sull’andamento del Napoli tra Campionato e Champions e tanto altro ancora.

Di seguito vi riportiamo l’intervista completa.

 

Nel tuo ultimo libro, il commissario Ricciardi si trova faccia a faccia con le sue paure da affrontare, i classici fantasmi interiori che a volte si presentano tormentando l’anima di ognuno di noi. Ma il commissario ha sempre avuto la meglio lottando per provare a sopprimerle. Secondo te c’è una forte similitudine caratteriale tra il protagonista del tuo libro e mister Ancelotti?

“Non so se entrambi siano assimilabili. Napoli, a differenza di Torino, Genova e Milano, è un’unica grande città con una sola squadra. Ecco perché un allenatore attira inevitabilmente su di sé sia cose belle che pregiudizi. Con Ancelotti ci si aspettava un passo in avanti e qualcosa in tal senso pare sia stata fatta. Quest’anno l’Inter è forte e il Napoli si trova a combattere anche con i nerazzurri per lo scudetto. Gli azzurri non hanno quella continuità nei risultati e ciò crea perplessità tra i tifosi perché la squadra non ha un gioco definitivo. Il Napoli è ancora un cantiere aperto e questo è ormai sotto gli occhi di tutti”

La campagna acquisti del Napoli ha sicuramente contribuito a rafforzare l’organico rispetto allo scorso anno ma restano ancora alcune lacune da colmare, ad esempio in cabina di regia, dove manca un regista dai piedi buoni e di personalità che sappia fare da collante tra difesa e attacco e un trequartista. Sei dello stesso avviso o la pensi diversamente?

“Il Napoli difetta appunto della mancanza di questi due elementi. Ancelotti si aspettava quest’estate il trequartista che purtroppo non è arrivato. Io credo che il Napoli a gennaio debba prendere un centrocampista centrale, un trequartista e un esterno difensivo per essere completo -sottolinea Maurizio De Giovanni-

Il Napoli di quest’anno sembra avere una doppia personalità: quella bella, sicura e raggiante mostrata in Champions in contrapposizione con l’altra opaca e problematica vista in Campionato. Quale è il tuo punto di vista?

“Questa divisione è abbastanza rigorosa perché in campionato il Napoli ha fatto anche delle belle partite e qualche partita in Champions l’ha giocata male. Invece non vedo una stabilità e una coerenza sia negli schemi che nel modulo di gioco e questo porta una sorta di destabilizzazione ai giocatori. Per esempio Fabian Ruiz quest’anno lo abbiamo visto in almeno quattro ruoli diversi e ciò porta inevitabilmente ai calciatori a non assimilare bene i dettami tecnici di Ancelotti”

Ultimamente si sta tanto parlando della possibilità di un approdo a Napoli di Ibrahimovic nella prossima sessione invernale di calciomercato. C’è il benestare non solo del calciatore ma anche di Ancelotti e di De Laurentiis. Secondo te questo matrimonio s’ha da fare?

“Considerando gli aspetti dell’immagine e del merchandising direi di sì perché Ibrahimovic è un campione di grande tecnica e carisma ma sinceramente non è il calciatore utile al Napoli che in quel ruolo ha già preso Llorente. Secondo me, in questo momento le priorità del Napoli sarebbero nell’ordine il centrocampista centrale, il trequartista e l’esterno sinistro. Se potessi scegliere, a gennaio prenderei Tonali del Brescia”

Questione rinnovi: le pretese economiche di Mertens e Callejon, che hanno sempre dato tutto per la maglia azzurra, sembrano non coincidere con le cifre proposte da De Laurentiis. Pensi che alla fine si possa risolvere tutto per il meglio?

“Credo che Callejon e Mertens siano imprescindibili per il Napoli. Hanno tecnica e qualità fisica e il loro dato anagrafico è irrilevante. Sono entrambi in grado di giocare bene ancora per molto tempo. Nel prossimo futuro bisognerà capire se si punterà ancora sul loro valore tecnico attuale, e quindi a questo punto sarebbe meglio tenerli, oppure sulle plusvalenze per far cassa, e quindi cederli. Con loro si dovrà fare lo stesso discorso di Hamsik”

Le prestazioni sicure e convincenti di Meret tra i pali lo stanno proiettando a diventare l’erede di Buffon o è ancora presto per dirlo?

“I giovani portieri italiani sono molto forti. Meret credo sia il più completo rispetto agli altri. Lui rappresenta il futuro del Napoli. Sono felicissimo per la sua evoluzione”

In merito al futuro del Napoli, per Maurizio De Giovanni conta di più vincere titoli importanti invece di giocare sempre al ruolo della comparsa nelle competizioni oppure giocare sempre al ruolo di comparsa nelle competizioni senza vincere titoli importanti come sta succedendo in questi ultimi quattro anni?

“Il Napoli ha tutte le caratteristiche per vincere. Gli azzurri devono giocare per vincere e la società ha il dovere di fare ulteriori passi in avanti per vincere perché la città lo merita -conclude Maurizio De Giovanni-. Sarebbe davvero un peccato lasciare il posto ad altre squadre per la lotta scudetto”

 

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

 

Gazzetta esalta il Napoli: “Ci voleva, vittoria fuori casa pirotecnica e sfrontata! Ora bisogna solo impegnarsi per buttare la qualificazione…”

Napoli, Capello demolisce Koulibaly: “Il peggiore in campo, ecco i suoi errori”

Calciomercato Napoli, Ibra non è un sogno: contatti avviati

Venerato: “Bello l’abbraccio tra Insigne ed Ancelotti, sa di ‘Guerra e pace”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *