Gattuso: “Stasera devo ringraziare i ragazzi. Rimarrò qua, non mi dimetto”

Gennaro Gattuso ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport dopo la vittoria del Napoli contro lo Spezia.

“Mi tengo il gol dei primi cinque minuti, dobbiamo riuscire a far trovare la condizione a Mertens e Osimhen. Osimhen ha avuto il Covid ed ha avuto un problema alla spalla. Dries dice che sta bene ma poi la caviglia gli crea dei problemi; quando giochi in nove e non riescono a darti continuità è difficile perché sono due giocatori che per quanto sono forti stanno giocando al 30-40% ed è normale, ma noi abbiamo il dovere di ritrovare questi giocatori. Nel primo tempo la squadra ha espresso un buon calcio, delle cose meravigliose; dopo è normale che vai alla ricerca di giocatori che ti possono far fare il salto di qualità, però sia oggi che col Verona ci hanno dato poco e lo sappiamo”

Gara al contrario rispetto a quella di campionato?

“Siamo stati bravi, abbiamo creato 27 occasioni, siamo arrivati 10-15 volte negli ultimi 20 metri. Oggi sicuramente abbiamo fatto tanto, l’abbiamo buttata dentro. Anche con il Verona: secondo tempo inesistente, ma nel primo tempo potevamo fare 2-0, non l’abbiamo fatto ed abbiamo rischiato, però penso che in questo momento abbiamo delle difficoltà ma bisogna stare tranquilli e lavorare”

Vigilia complicata con tutte le voci d’addio e la fiducia ribadita dalla società

“Oggi bisogna ringraziare quello che mi hanno dato i ragazzi. Mi da fastidio quando mi dicono che mi devo dimettere, io non mi dimetto, mi son dimesso al Milan perché avevo fatto tutto quello che dovevo fare non c’erano più possibilità, non capisco perché qualcuno dice che mi devo dimettere. Io e il mio staff stiamo buttando il sangue dalla mattina alla sera. Dopo se i risultati non vanno bene alla proprietà io sono un dipendete, vengo giudicato dai risultati. Non capisco perché ogni volta sento che Gattuso si deve dimettere. Io sto qua, faccio il mio lavoro e penso di saperlo fare. Secondo me stiamo facendo buone cose. Perché non dite mai che è la quarta semifinale che faccio? Dite solo robe negative. Da calciatore ho vinto tutto quello che c’era da vincere e da allenatore farò la stessa cosa vedremo”

Sugli obiettivi:

“L’obiettivo del Napoli è arrivare tra le prime quattro perché é una rosa valida. Nessuno dice che mi mancano buoni giocatori. Osimhen ha fatto solo sei partite, Dries mi manca dalla partita con l’Inter, senza togliere nulla a quelli che ci sono che stanno facendo cose importanti.”

Il 4-3-3 si può rivedere in campionato?

“In fase di non possesso giocavamo 4-3-3, in fase di non possesso la mezz’ala andava sempre sul loro vertice basso per non farli giocare. Lo Spezia è una squadra che quando ha spazio va subito in verticale a cercare i 3 giocatori davanti e bisogna essere bravi sulle seconde palle con loro”. 

Che vi ha detto De Laurentiis?

“Il Presidente ieri era a cena con noi e mi ha tranquillizzato, ma io nn ho bisogno di essere tranquillizzato: faccio il mio lavoro se non va bene verrò giudicato. In questo momento abbiamo passato un turno e sembra che non abbiamo fatto niente. Se vinciamo la partita da recuperare contro la Juventus andiamo al terzo posto. So che possiamo fare di più ma non vado dietro le chiacchiere. Devo solo far andare la squadra al massimo e fin quando ho loro che mi danno disponibilità può accadere. Ci sono sempre degli alti e bassi.”

Con chi ce l’ha? È molto arrabbiato

“A me piace la critica, quando sbaglio chiedo scusa ma mi sembra eccessivo quello che sta succedendo. Oggi mi aspettavo che la prima domanda fosse: “Complimenti sono quarto anni che alleni in serie A ed è la quarta volta che arrivi in semifinale, è normale parlare solo di cosa mi ha detto De Laurentiis e cosa dicono i giornalisti?”

Maria Marinelli

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Chiarello, polemiche sulle scelte di Gattuso per la sfida contro lo Spezia

Calciomercato, il Manchester United torna su Koulibaly. Il Napoli spara alto

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Aurora Ramazzotti: “Ho sofferto la cattiveria della gente, la psicoterapia mi ha aiutata tanto”