Pubblicato il: 26 Gennaio 2021 alle 3:50 pm

Giudice Sportivo: due giornate di squalifica per Conte più ammenda. Un turno per Oriali

Conte

Conte

 

Giudice Sportivo, stangata per Conte: due giornate di squalifica,  più ammenda

 

Il giudice sportivo Gerardo Mastrandrea ha inflitto due giornate di squalifica all’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, espulso per proteste dall’arbitro Maresca nel finale della partita pareggiata sabato scorso sul campo dell’Udinese. L’ex ct dell’Italia, multato anche con 20mila euro, salterà le prossime due gare di campionato contro Benevento e Fiorentina. Un turno di stop e 5mila euro di multa per il dirigente nerazzurro Lele Oriali.

Ecco le motivazioni:
Conte Antonio (Internazionale) per avere, al 45° del secondo tempo, continuato a protestare in maniera veemente, successivamente al provvedimento di ammonizione, proferendo a gran voce frasi irrispettose nei confronti del Direttore di gara che proseguivano anche dopo il provvedimento di espulsione prima di lasciare il terreno di giuoco; nonché per avere, al termine della gara, nel tunnel che adduce agli spogliatoi, affrontato il Direttore di gara medesimo con fare minaccioso urlandogli un’espressione gravemente offensiva; infrazione quest’ultima rilevata anche dal collaboratore del Procura Federale.
ORIALI Gabriele (Internazionale): perché, al termine della gara, reiterando le proteste anche dopo il provvedimento di ammonizione, raggiungeva al centro del terreno di giuoco il Direttore di gara urlandogli frasi irrispettose.

Tra i calciatori una giornata di squalifica a Gosens (Atalanta), Kulusevski (Juventus), Nandez (Cagliari), Samir (Udinese) e Magnani (Verona).

Conte

 

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Venerato: “Benitez-De Laurentiis contatti telefonici. Rinnovo Gattuso, ADL vuole almeno tre vittorie”

L’altra Campania – Turris-Avellino 0-2, lupi al terzo posto

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

L’ex di Armie Hammer: “Voleva farmi togliere una costola e mangiarla, mi ha inciso con un coltello”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *