La Juventus nel 1981 già…

 
 
Rudy Krol
   

                                                                   

La Juventus nel 1981 già…

Una storia raccontata dai nostri genitori porta gli Juventini sul banco degli imputati fin dal 1981.

Chi legge dirà:”Cosa c’entrano i bianconeri Juventini nel 1981?”.

C’entrano perché già in quella data, pare abbiano rubato uno scudetto al Napoli.

I fatti sono nitidamente raccontati da fonti vicine al Napoli calcio:

siamo nell’era pre-maradoniana, oso dire siamo nell’era Kroliana, intendendo per tale il tempo in cui il Napoli ebbe tra le fila un certo Rudy Krol (tornato a Napoli qualche settimana fa come ospite del Napoli calcio, ndr) libero d’altri tempi che si era affermato negli Orange, cioè nella nazionale olandese che praticava il calcio più bello del mondo, il calcio totale.

In quella squadra, l’Olanda, oltre a Krol c’erano Suurbier, Haan,  Neeskens, Rep e soprattutto Cruijff il Profeta del gol come lo battezzò in un film sulla sua vita il nostro compianto Sandro Ciotti (giornalista, cronista, telecronista, ndr).

Il Napoli del 1981 poteva vantare Castellini in porta, Bruscolotti terzino destro con compiti di marcatura pura (lo chiamavano pal e fierr, ndr), Marangon, Celestini, Ferrario, Krol, Damiani, Guidetti, Pellegrini, Vinazzani, Speggiorin.

La Juventus nel 1981 già…

Questa squadra si ritrovò nel 1981 a concorrere a vincere lo scudetto in campionato.

Ebbene successe qualcosa di anomalo  per cui ciò non ebbe il lieto fine.

Torniamo al racconto:“Era il 26 aprile del 1981, il Napoli comanda la classifica di serie A con 35 punti pur essendo a pari con Juventus e Roma. Al San Paolo si presenta il Perugia, praticamente già retrocesso in serie B. Dinnanzi a 85.000 spettatori, la compagine azzurra perde incredibilmente in casa 1-0 con autorete di Ferrario. I sogni azzurri svaniscono in quella partita! Si narra che il portiere del Perugia era tifoso della Juventus.

Fu il migliore il campo. In quella partita maledetta per i partenopei, mancano 2 rigori.

Nelle ultime 5 partite faranno solo 3 punti finiranno terzi a 38 punti dietro alla Roma (2ª) con 42 punti e alla Juve 44″.

Il racconto continua:

“Torniamo indietro di qualche partita. Il 22 marzo 1981 a Torino contro la Juve, si presenta il Perugia, fanalino di coda prossimo alla retrocessione. All’81’ del 2º tempo De Rosa segna di testa il gol vantaggio degli umbri. Una partita ormai segnata”.

“La Juve gioca male impossibile ribaltarla! Ma ecco che l’arbitro Terpin di Gorizia assegna un rigore inesistente alla Juve all’85’. Al 90’ segna Marocchino il gol vittoria (irregolare). A fine partita gli umbri tentano di aggredire l’arbitro. Succede il finimondo”.

“Pin difensore Perugino a fine partita accusa Roberto Bettega di avergli chiesto di farlo segnare. Molinari allenatore umbro parla di gravi favori messi in atto dall’arbitro per far vincere la Juve. Salvatore Bagni negli spogliatoi scoppia in lacrime. Una rapina in piena regola ai danni del Perugia”.

“Fatto fuori il Napoli c’è la Roma che non molla. Il 10 maggio 1981 scontro diretto Juve-Roma. A 10 minuti dalla fine cross in area di Conti per Turone che segna di testa, l’arbitro convalida, il segnalinee annulla. Il gol era buono! La Juve vince lo scudetto con 2 punti di vantaggio sui giallorossi e ben 6 sul Napoli, che aveva dominato il campionato fino alla 25ª giornata”.

“Era il Napoli di Krol uno dei più grandi difensori di tutta la storia del calcio! Quello scudetto più che alla Roma, la Juve lo tolse al Napoli”.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Brescia – Balotelli allontanato da Grosso: “Mario vai, Mario vai!”

Comunicato stampa Napoli – Dal sito ufficiale Adl rompe il silenzio

Futuro Ibra – Lo svedese potrebbe sorprendere tutti

De Laurentiis farà rientro in Italia solo lunedì pomeriggio

Di Marzio: ”Napoli, per venire fuori da questa situazione ecco cosa farei…”

Napoli – Ancora dubbi sul modulo e su Allan

Jacobelli: ”Milan-Napoli? Ecco perchè Ancelotti cambierà modulo…”

Verona – Sospesa la squalifica, graziato il settore “Poltrone Est” dello stadio Bentegodi!

Ti potrebbe interessare anche:

Controllo fiscale a malata di tumore, la famiglia: “Un’umiliazione”

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *