Mughini: “Maradona al San Carlo spettacolo scadente. I napoletani sono fanatici, guardano indietro ed hanno un problema…”

 
 
   

Giampiero Mughini ha proseguito la polemica su Napoli e i napoletani e lo spettacolo di Maradona al San Carlo

Questo è quanto dichiarato dall’opinionista/tifoso in un’intervista riportata dal Corriere del Mezzogiorno in edicola stamane

“So benissimo che Napoli è la città di tantissime personalità della cultura e dell’arte. O che sia stata una delle grandi capitali europee. Certe cose le so bene. Conosco bene e ammiro la grandezza di Napoli. Che, tuttavia, lo confermo, resta una città che guarda indietro. Il problema è che i napoletani sono troppo napoletanisti. Cosa significa? Che sono eccessivamente fanatici della napoletanità. Chi non si dimostra sufficientemente fanatico viene fatto passare per uno che getta ombre sulla città. Ad esempio io non sono un savianista che, a suo modo, è diventato una specie di Maradona. Ma trovo che gli attacchi di de Magistris siano stati volgari.

Non mi sentirei di definire lo spettacolo una pacchianata, diciamo che si è trattato di una festa popolare e, come tale, un po’ innocua e un po’ scadente. Scadente perché una città alle prese con tanti problemi incalzanti non può entrare in uno stato di estasi per un campionissimo del passato. L’estasi è qualcosa di raro, che si può provare poche volte nella vita, per una donna, ma non per tutte, o per un’opera d’arte. Il San Carlo è stata una scelta fuori misura. Del resto, anche Napoli è una città un po’ fuori misura. Ciò non toglie che la cittadinanza onoraria ci possa stare. Se pensiamo a chi hanno fatto cavalieri della Repubblica…”.

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Carmine Gallucci

About Carmine Gallucci

360 gradi è l'angolazione minima con cui osservo il mondo. Twitter: @CarmineGallucci