QUESTIONE DI MODULI: Napoli-Legia Varsavia, previsione tattica e probabili formazioni

tattica roma napoli
   

Il Napoli si prepara al match europeo del Maradona

Tattica Napoli-Legia Varsavia – I partenopei sono saliti sull’ottovolante, i tre punti sono arrivati grazie alla rete di Victor Osimhen che porta ad otto le vittorie totali in campionato. Ma se in Italia gli azzurri viaggiano spediti e occupano il gradino più alto del podio, in Europa la musica è ben diversa. Nel gruppo C è arrivato un solo punto in due partite e la sconfitta contro lo Spartak Mosca brucia ancora. In vetta ci sono proprio i prossimi avversari del Napoli: i polacchi del Legia Varsavia, che contro ogni previsione hanno battuto sia Leicester che Spartak. Ai partenopei il compito di fare risultato tra le mura amiche del Maradona. “Questione di moduli” è la rubrica dedicata agli appassionati di lavagnette tattiche, moduli e sistemi di gioco

Il Napoli di Spalletti

Per la gara di giovedì 21 ottobre è probabile che ci sia un turno di riposo per Victor Osimhen. La rete contro i granata in campionato non ha solo regalato al Napoli l’ottava vittoria consecutiva (non accadeva dai tempi di Maurizio Sarri) ma fa anche salire ad otto il suo bottino stagionale. Con il rientro di Dries Mertens gli si può concedere un po’ di riposo. Questa la probabile formazione di casa: NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Juan Jesus; Anguissa, Demme, Zielinski; Lozano, Mertens, Insigne.

Spalletti ed i suoi I partenopei arrivano al terzo impegno europeo con ancora l’amaro in bocca lasciato dalla scorsa gara contro lo Spartak. Ricordiamo come l’arbitraggio sia stato oggetto di molte polemiche e il risultato, 3-2 per gli avversari, è stato la conseguenza di episodi causati nella maggior parte da chiamate errate del direttore di gara.

Lo schieramento in campo è il solito, in fase di impostazione gli azzurri mantengono spesso il 4-3-3, ma portano in area anche 4 uomini, passando di fatto ad un momentaneo 4-2-4. In fase di non possesso invece si passa al 4-1-4-1 o 4-5-1 a linee molto serrate.

Il Legia Varsavia di Czeslaw Michniewicz

Seppur l’Europa League sorrida ai polacchi, in campionato la situazione e di gran lunga peggiore. In campionato occupano la quartultima posizione e l’ultima sconfitta risale soltanto a domenica scorsa, nella gara in casa contro il Lech Poznan.

La probabile formazione degli ospiti è la seguente: LEGIA VARSAVIA (3-5-1-1): Miszta; Jedrzejczyk, Wieteska, Nawrocki; Johansson, Slisz, Kharatin, Martins, Mladenovic; Josue; Emreli. Gli uomini di

In possesso di palla l’azione si sviluppa principalmente per vie centrali ma possono essere pericolosi anche con gli esterni, a cui piace sfondare in area per servire l’attaccante o l’inserimento dei centrocampisti. In fase di non possesso il modulo diventa 5-2-3 o 5-3-2 con i mediani quasi all’altezza della difesa e gli sterni che ripiegano.

Tattica Napoli-Legia Varsavia

Il Legia arriva a questo incontro come prima nel girone, con due vittorie su due e zero gol subiti. Gli azzurri dovranno fare attenzione ad una squadra che in Europa pare avere stimoli maggiori, capace di subire tanto ma di trovare anche l’opportunità di fare male all’avversario. Per gli azzurri c’è la voglia di riscatto di Lorenzo Insigne, che non sta vivendo un inizio di stagione esaltante e il ritorno a pieno regime di Dries Mertens, che vuole riprendersi il campo e tornare al gol.

Alessandro Santacroce

 

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

FOTO – Ziliani abbandona i social: “Il calcio italiano ha il cancro, è falsato. Il Palazzo collude, nessuno fa niente”

Report SSC Napoli: si ferma Zielinski, lavoro personalizzato. Manolas seduta in gruppo

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

G20: parità genere è priorità assoluta per 8 persone su 10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *