Sassuolo, De Zerbi: “Locatelli e Ferrari fuori, noi seguiamo la coscienza”

Roberto De Zerbi sull’esclusione di Locatelli e Ferrati

L’allenatore del Sassuolo Roberto De Zerbi attraverso i microfoni di SassuoloChannel, ha rilasciato alcune dichiarazioni motivando l’esclusione dalla lista dei convocati di Locatelli e Ferrari. Ecco quanto dichiarato dal tecnico:

“La decisione di estromettere Locatelli e Ferrari è stata una scelta condivisa tra me, la società e lo staff medico. Una scelta forte, fatta con fermezza e grande convinzione. La cosa facile potrebbe essere dire ‘Locatelli e Ferrari sono positivi’. No, sono negativi ad oggi ma hanno avuto contatti con il gruppo squadra Italia dove si è creato un focolaio. Abbiamo ritenuto giusto andare oltre agli interessi lavorativi personali per tutelare la salute nostra, del gruppo squadra Sassuolo, delle famiglie del Sassuolo. Ancora ieri in Italia ci sono stati tanti morti.

Noi ci comportiamo seguendo la nostra coscienza. Per una partita di calcio non era giusto potersi portare a casa ulteriori problemi di salute. Una presa di posizione forte ma corretta, vedendo come si sono comportate le Asl di Torino, di Milano, che giustamente, quando sono state sospese le partite ci siamo rimessi alle decisioni delle Asl perché veniva anteposta la salute a una gara, e così stiamo facendo noi. Abbiamo fatto una scelta giusta. Non voglio sindacare quello che avrebbero dovuto fare o fanno altri, dobbiamo pensare a noi, senza che altri entrino nelle nostre decisioni. Domani il Sassuolo avrà comunque almeno 11 giocatori in campo degni di giocarsi la partita alla grande e non capisco perché si crei questo polverone su una decisione saggia, logica, che penalizza noi, se penalizza qualcuno, non gli altri.”

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Napoli-Crotone, Gattuso rilancia Osimhen e Bakayoko. Saranno titolari

Renica contrattacca Sacchi: “Capisce fino a un certo punto. La truffa fu del Milan in Coppa”

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Usa: vaccinati potranno celebrare Pasqua senza mascherine