Caso plusvalenze, anche il Napoli è coinvolto ma non rischia gravi sanzioni

Plusvalenze

Caso plusvalenze, il Napoli non corre gravi rischi

In diretta ai microfoni di Si Gonfia la Rete è intervenuto l’ex membro della Corte d’appello della FIG Francesco Fimmanò, che ha fatto chiarezza sulle possibili conseguenze che rischia il Napoli in merito al caso plusvalenze. Ecco quanto dichiarato:

“C’è un po’ di confusione. Le sanzioni possono essere anche pesantissime, come la radiazione ma bisogna verificare la finalità a cui sono dirette. Nella fattispecie, le sanzioni gravissime sono dirette a plusvalenze funzionali a iscrivere la squadra al campionato. Ma questo tipo di problema il Napoli non ce l’ha, non ha avuto vantaggi di ordinamento sportivo. Perché si fa? Il ragionamento è generale. Si è verificato che ci sono indizi di plusvalenze fittizie, però c’è una seconda parte di ragionamento. E’ evidente che alcune squadre sappiamo avere una situazione molto critica. Lì c’è una frode sportiva perché stimoli una situazione che non hai.

Ovviamente ci sono temi di natura fiscale, della parziale inesistenza di una prestazione. Non sono legittime comunque. Non so perché si facciano. La vicenda del Napoli è legata a Osimhen, non vorrei che il problema fosse stato dall’altro lato. Se tu simuli un’operazione che non c’è non è una mossa a cui battere le mani ma l’elemento sportivo sta nel capire se questa cosa è diretta a una violazione. L’ordinamento sportivo è autonomo in base al Decreto Salvacalcio. Che questa sia una condotta poco commendevole su altri piani questo è un altro discorso. Se uno non può iscriversi al campionato è un fatto diverso.”

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Marchetti: “Il Napoli ha preso il terzino, in estate arriva Olivera”

VIDEO – Joan Laporta pres. Barcellona si gode una giornata da turista a Napoli

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Caro carburante:Car Roma,stop merci Sicilia-Puglia,rialzo prezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.