Caso Suarez, Moncalvo: “Sono indignato, è stata una farsa”

Caso Suarez

Moncalvo sul caso Suarez

Il giornalista Luigi Moncalvo è intervenuto in diretta ai microfoni di Radio Punto Nuovo, dove ha manifestato il suo disappunto riguardo il caso Suarez. Ecco quanto dichiarato:

Sono fortemente indignato per il caso Suarez, cosa che dovrebbe fare tutta l’Italia. Non si può chiamare Giustizia, è qualcos’altro. Non è che il giocatore si sveglia una mattina e decide di diventare cittadino italiano. Chi è che aveva interesse a far sì che Suarez facesse in tempi brevissimi questo esame? Solo la Juventus, che aveva bisogno di acquistare un centravanti. Dopo il caso i bianconeri hanno virato su Morata. Suarez poteva essere tesserato solo superando questo famoso test di Perugia. Paratici e l’avvocato della Juventus vengono intercettati inequivocabilmente chiedendo di intervenire sul Ministero degli Interni per accelerare la pratica. Lo stesso Paratici d’accordo con la filiera dell’Università di Perugia. Secondo costoro non sono elementi sufficienti. Quando prima c’era la vergogna le cose avvenivano in altro modo, facevano il processo, passava del tempo andando a finire a tarallucci e vino. Qui stiamo scendendo di più sulla scala della vergogna perché non fanno neanche il processo e archiviano direttamente. Perché parlavano Paratici e l’ex Ministra? Che strano. L’esame di Suarez è stato una farsa secondo tutti noi, secondo gli atti, secondo gli articoli che sono usciti. Ma solo per la Procura federale della Federcalcio non lo è stato. C’è solo da indignarsi e aspettare per vedere fino a che punto arriveranno le plusvalenze. Siamo di fronte ad un mondo del calcio sempre più malato, ormai siamo il Paese delle barzellette”.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Sconcerti: “La Salernitana ora rischia, può essere esclusa dal campionato”

Dura posizione dell’ ECA: “I club non libereranno i giocatori per la Coppa d’Africa”

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Untore hiv: Cassazione conferma condanna a 16 anni e 8 mesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *