Europa League: le norme anti-Covid complicano Leicester-Napoli, due le possibili alternative

napoli legia

Il Napoli è al lavoro con la UEFA per trovare una soluzione

Il Mattino nella sua edizione odierna parla di Leicester-Napoli. Giovedì 16 settembre gli azzurri dovranno giocare in casa del Leicester City in Europa League, ma le norme anti-Covid attualmente vigenti nel Regno Unito rischiano di costringere Spalletti a dover fare a meno di ben cinque giocatori. Il quotidiano riferisce che si stanno studiando soluzioni alternative.

Questo è quanto si legge:

Il Napoli è in costante contatto con l’Uefa perché – alla luce della normativa anti-Covid in vigore in Gran Bretagna – OsimhenOspinaKoulibalyAnguissa e Rrahmani non potranno fare ingresso nel Regno Unito mercoledì pomeriggio quando è previsto l’arrivo del charter azzurro a Leicester. Ed è una questione che i club, Napoli compreso, hanno affidato all’Uefa.

In queste ore febbrili di iniziative diplomatiche, la Uefa pensa anche a due soluzioni alternative, ovvero: Leicester-Napoli potrebbe giocarsi in campo neutrooppure potrebbe essere disposta l’inversione di campo“.

 

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Scudetto 2018, da Torino: “De Laurentiis è un perdente, ha sempre vinto la più forte”

Il presidente del Lille attacca: “Osimhen? Non è stato pagato 81 milioni”

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Israele: palestinesi evasi,arrestati parenti in Cisgiordania