Mario Giuffredi svela un retroscena sul rinnovo di Gattuso con il Napoli

giuffredi
   

Il procuratore Mario Giuffredi è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo.

Giuffredi ha ricostruito la vicenda del rinnovo di Gattuso con il Napoli, le parole del procuratore di Di Lorenzo e Mario Rui riportate da TuttoNapoli:

“Gattuso-Fiorentina? Una situazione che mi ha lasciato con grande amarezza, nella vita quando non si è convinti di fare una cosa non bisogna farla. Le persone devono avere la forza di dire no, un no al momento giusto ti fa guadagnare un sì più forte nel futuro. Dopo la delusione del Napoli, Gattuso aveva grande voglia di allenare ma andare in un progetto dove avrebbe potuto non essere convinto al 100%, ha fatto saltare gli equilibri alle prime difficoltà. Gattuso è grande allenatore, una grande persona e mi dispiace per quello che è successo. È vero che Gattuso il suo carattere ma il mondo del calcio non migliora perché ci sono tante persone che si attaccano solo ai contratti. Gattuso ha lasciato due anni alla Fiorentina, come prima aveva lasciato due anni al Milan”.

RETROSCENA – “Prima di Napoli-Verona credo abbia avuto la possibilità di rinnovare con il Napoli e non l’ha fatto. La qualità del professionista si vede solo quando è convinto di fare un buon lavoro. Gattuso lascia a casa nove collaboratori? I suoi uomini grazie a lui sono andati prima al Milan e poi al Napoli guadagnando sempre bene. Oggi prendono l’amaro, non si può prendere sempre solo il dolce. A Milano non l’hanno cacciato: è andato via lui. A Napoli poteva firmare il rinnovo per ben due volte e non lo ha voluto firmare. Resta un grande allenatore per me”.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Mario Rui, l’agente: “Mancata convocazione all’Europeo è anche colpa del Napoli”

Calciomercato, il Napoli punta a Berge ed Emerson Palmieri

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Napoli: sequestra ambulanza per soccorrere parente, preso

Mario Scala

Il grande giornalista pone le domande giuste per far emergere ciò che altrimenti resterebbe nascosto.

View all posts by Mario Scala →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *