Oscar Damiani (proc.): “Juve, attenta al Napoli”

   

DAMIANIIl procuratore sportivo ed ex attaccante Oscar Damiani è intervenuto in esclusiva su EuropaCalcio.it. Leggiamo quanto dichiarato.

 

Salve Damiani, come vede il futuro del calcio italiano con pochi soldi a disposizione ed una scarsa considerazione data al vivaio?

 

Come tutti sanno rispecchiamo un pò la situazione del paese che è in un momento di grande difficoltà e logicamente ne risente anche il sistema calcistico. In mancanza di programmazione e d’investimenti non abbiamo un futuro certamente roseo, però la nostra forza è stata sempre quella di saperci riprendere e credo che anche il calcio, investendo sul settore giovanile e con i giusti programmi, con nuovi stadi, perché anche a livello d’infrastrutture dobbiamo fare qualcosa, potremo riprenderci.”

 

Damiani cosa ne pensa di queste difficoltà del Milan, era partito bene poi si è un pò diciamo arenato. Come mai secondo lei?

 

“Io credo di sposare la tesi di Inzaghi, non si può cambiare tutto in pochi mesi. E’  partito bene, ha avuto qualche contraccolpo con il Palermo, però credo che sia una squadra sulla quale si possa lavorare. Non è ancora da primi posti ma bisogna  lasciar lavorare con tranquillità l’allenatore, e il prossimo anno si potrà far meglio. In questo campionato credo  che possano puntare al terzo posto.”

 

Lotta scudetto. È solo una questione a due tra Roma e Juve oppure come dichiarato da De Laurentiis può inserirsi  anche il Napoli?

 

Il Napoli per me è una grande squadra, ha un bravo allenatore ed una società forte, certamente può giocarsela, di certo non sarà facile perché la Juve non perde un colpo, però per il secondo posto lotterà certamente ed in primavera magari potrebbe ancora essere li e diventare veramente una sorpresa. E’una squadra comunque altamente competitiva.”

 

Le difficoltà di Mazzarri a cosa sono dovute?

 

“Il cambio proprietà certamente non ha aiutato soprattutto dopo una gestione diversa, diciamo a livello familiare. La squadra è buona ma certamente non da primi posti.”

 

Lei è stato anche calciatore quindi come vede questo talento inespresso di Balotelli che trova difficoltà un po’ ovunque. E’ un fatto di fragilità caratteriale o cosa?

 

“Ha qualità importanti  ma manca di continuità per giocare ad alti livelli. Mi auguro di sbagliare, è difficile valutarlo ma spero che la convocazione in Nazionale gli faccia bene e possa tornare a giocare sui suoi livelli.”

 

C’è qualche giovane talento che l’ha colpita e che in prospettiva può diventare un grande campione?

 

Ci sono molti giovani interessanti, però bisogna lasciarli crescere senza mettergli pressione.”

 

L’ ultima domanda voglio fargliela sul fair play finanziario: è giusto applicare le regole in maniera ferrea senza far sconti a nessuno?

 

“Assolutamente si, credo che le regole vadano rispettate e si possa far bene anche restando in certi parametri.”

fonte:EuropaCalcio

Fabio Sorrentino

Il Napoli è la mia unica fede

View all posts by Fabio Sorrentino →