Fiorentina-Gattuso: un’altra vicenda che conferma il dominio dei procuratori

gattuso fiorentino
   

Il divorzio prematuro tra Gennaro Gattuso e la Fiorentina è l’ennesimo avvenimento che conferma l’enorme influenza dei procuratori nel mondo del calcio.

Al termine della stagione del campionato di Serie A 2020/2021 Gattuso ha lasciato il Napoli dopo l’esonero da parte di Aurelio De Laurentiis. Il tecnico era corteggiato da diverse realtà, complice anche l’impresa sfiorata con il Napoli. L’allenatore è riuscito infatti a rialzare una squadra caratterizzata da innumerevoli infortuni stagionali portandola quasi in Champions League. Nonostante alla fine l’obiettivo non è stato centrato numerosi club italiani ed esteri hanno apprezzato la rimonta partenopea sotto la sua guida durante il girone di ritorno. Questi ultimi hanno visto in lui l’uomo giusto per raggiungere importanti traguardi.

Tra le varie Società che hanno provato a portare Gattuso in casa propria c’erano Lazio e Juventus; senza contare che il buon Rino aveva stimatori anche in Liga ed in Premier. In questa faccenda però c’è sempre stato un club più avanti rispetto agli altri, che ha corteggiato il tecnico calabrese per mesi interi. Parliamo della Fiorentina di Rocco Commisso.

Gattuso-Fiorentina: l’arrivo e l’addio dopo pochi giorni

Gattuso sembra entusiasta del corteggiamento viola e non ci pensa su molto. Il 25 maggio, soltanto due giorni dopo il suo esonero, la Fiorentina annuncia che il calabrese sarà l’allenatore della prossima stagione. Rocco Commisso manifesta tutta la sua soddisfazione in conferenza stampa. Per lui Gattuso è l’uomo giusto per risollevare la squadra di Firenze dopo una stagione tutt’altro che positiva. Il suo corteggiamento ha finalmente ottenuto i risultati sperati.

Tutti questi avvenimenti sono accaduti meno di un mese fa, motivo per il quale la notizia del divorzio tra Gennaro Gattuso e la Fiorentina è arrivato come un fulmine a ciel sereno. In realtà da giorni si parlava di una presunta rottura da entrambe le parti, poi l’annuncio ufficiale della separazione consensuale. Di sicuro si tratta di una delle storie d’amore calcistiche più brevi della storia, durata soltanto ventidue giorni. Ma perché questo improvviso cambio di rotta? Cosa è potuto accadere di tanto clamoroso da far dimenticare immediatamente la contentezza di questo arrivo a Firenze?

Il mondo del calcio nelle mani dei procuratori

Le due domande poste precedentemente non hanno trovato subito risposta, che riflettendo bene potrebbe coincidere con un nome ed un cognome: Jorge Mendes. Si tratta del procuratore di Gattuso, colui che segue anche calciatori dal calibro di Cristiano Ronaldo e Angel Di Maria. A Mendes non sarebbe bastato concludere l’affare tra Ringhio e la Società fiorentina, bensì avrebbe voluto imporsi anche sul mercato dei viola. Gattuso avrebbe chiesto alla Società due giocatori del Porto: i centrocampisti Sergio Oliveira ed Jesus Corona. Un’altra richiesta sarebbe stata Goncalo Guades: esterno d’attacco del Valencia. Nulla di strano se non fosse per il fatto che tutti e tre questi calciatori sono seguiti dallo stesso procuratore: Jorge Mendes.

Insomma tutto fa pensare che il procuratore portoghese avrebbe voluto che la Fiorentina basasse la propria campagna acquisti sui giocatori da lui seguiti. Ipotesi rafforzata dal fatto che il prezzo dei loro cartellini è improvvisamente lievitato. Ad un tratto la Società viola si sarebbe rifiutata di soddisfare i suoi desideri anche per motivi economici ed è proprio questa la ragione che avrebbe portato ad una frattura insanabile tra allenatore e Società.

La delusione verso il sistema

Questa vicenda accaduta recentemente è l’ennesima dimostrazione che il mondo del calcio sta diventando sempre più sinonimo di business. Gli interessi economici sono di sicuro più importanti dell’amore per questo sport. Questo sistema sta suscitando sempre più delusione, soprattutto in coloro che amano il calcio e la propria squadra del cuore. Non possiamo non rivolgere un pensiero ai tifosi della Fiorentina, che quando seppero dell’arrivo di Gattuso erano felicissimi. I viola vedevano in lui l’uomo della rinascita ed ora sicuramente vorrebbero capire qualcosa di più in merito a ciò che è successo. In effetti una spiegazione la meriterebbero, ma purtroppo si conosce già, bisogna solo accettarla.

Quale sarà il destino di Gattuso?

Dopo la breve parentesi con la Società fiorentina Gennaro Gattuso è subito stato associato al Tottenham. Il club inglese si è messo sulle sue tracce non appena ha saputo dell’affare non andato a buon fine. Tuttavia tale parentesi era destinata ad essere ancora più breve. Ad un passo dalla firma del contratto il club inglese ha fatto un passo indietro. Questa volta il motivo ha a che fare con i tifosi del Tottenham, che ricordano alcune frasi di Gattuso pronunciate nel 2011 contro le coppie omosessuali. Gli Spurs hanno definito Gattuso sessista e razzista ed hanno manifestato sui social il loro totale disaccordo riguardo la scelta del club. In questa occasione la volontà dei tifosi è stata ascoltata ed il Tottenham ha deciso di guardare oltre. Mai come in questo momento viene in mente un proverbio famoso: “Chi troppo vuole nulla stringe”: Gattuso ha preteso dalla Società viola determinati giocatori nel più breve tempo possibile, ed ora rischia di non trovare una panchina sulla quale sedersi la prossima stagione.

Maria Marinelli

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Mario Giuffredi svela un retroscena sul rinnovo di Gattuso con il Napoli

Mario Rui, l’agente: “Mancata convocazione all’Europeo è anche colpa del Napoli”

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Napoli: sequestra ambulanza per soccorrere parente, preso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *