Napoli provarci! Il Barcellona sta attraversando un periodo senza precedenti

Napoli

Pardo: il Barcellona sta attraversando un periodo senza precedenti e il Napoli deve provarci. Le opportunità per ritagliarsi momenti belli della stagione ci sono per cui mai dire mai

A Radio Marte, nel corso di “Si Gonfia la Rete”, sono intervenuti Pardo, Bastianelli e Sereni per parlare del Napoli, del match di Champions League che la squadra azzurra dovrà disputare contro il Barcellona e di altro.

Questi i loro interventi riportati da ForzAzzurri.Net

Pierluigi Pardo, giornalista

“E’ una giornata molto interessante. Non decisiva, ma sarà un bel turno e potrà regalarci emozioni. Juventus, Inter e Lazio se la giocheranno fino alla fine. Poi è chiaro che la Juve è la favorita perché ha più forza grazie alla rosa e anche l’abitudine a vincere, ma la Lazio è la squadra che tra le tre sta meglio. Sono curioso di vederla a Parma per capire come reagirà dopo il primo risultato negativo stagionale e gli infortuni. L’Inter ha qualcosa di meno rispetto alla Juve, ma se un paio di mesi sarà ancora lì potrà essere molto pericolosa.

Non sarà facile per il Napoli recuperare la zona Champions. Di certo ha forza e potenziale per crescere, ma dipenderà da chi avrà davanti e se rallenteranno.

Il Barcellona sta attraversando un periodo senza precedenti e il Napoli deve provarci. Le opportunità per ritagliarsi momenti belli della stagione ci sono per cui mai dire mai”.

Patrick Bastianelli, agente di Babacar

“Babacar è in fase di recupero e la sua presenza domenica al San Paolo contro il Napoli è in dubbio. Il ragazzo ci sta provando a recuperare perché vuole esserci, ma vedremo che dirà lo staff medico. Liverani ha dato un’identità di gioco al Lecce che prova sempre ad esprimere il suo calcio. Vuole giocare sempre a calcio il Lecce, ma domenica si troverà di fronte una squadra molto forte che è tornata a vincere e ora vorrà dare continuità ai risultati. Vedo una similitudine tra Liverani e Gattuso perché entrambi vogliono esprimere la propria identità.

Il Napoli si è mosso a gennaio per il presente ed il futuro perché l’acquisto di Petagna è importante, al pari di quello di Rrahmani. Ha lavorato bene Giuntoli completando l’organico per questa stagione, ma lanciando un occhio già alla prossima. A giugno però, mi aspetto dal Napoli un colpo importante.

Okereke ha fatto molto bene, ma lo vedo più come un giocatore da Premier League. Ha disputato un inizio di campionato importante, ma è concentrato a far bene col Club Bruges”.

Andrea Sereni, giornalista

“Al di là dei punti di distacco dal quarto posto, il problema del Napoli è superare le tante squadre che gli precedono. Come rosa, il Napoli vale le prime 4 e se così come sembra il lavoro intrapreso da Gattuso è quello giusto, bisognerà provare vincere il maggior numero di partite e solo a fine campionato capire se basterà.

L’eliminazione del Barcellona dalla Coppa di Spagna è l’ennesima dimostrazione del fatto che il cambio tecnico non ha portato i risultati sperati. La situazione è complicata, manca sempre meno alla gara di andata di Champions ecco perché il Napoli dovrà provare ad approfittane.

Mertens è un simbolo del Napoli ed il suo futuro è in bilico. Vedremo se ci saranno i presupposti per rinnovare così come vorrebbe il giocatore. La richiesta di Mertens è importante: vorrebbe un biennale da 4,5 milioni a stagione”.

Insigne Napoli

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Napoli-Lecce, il San Paolo tornerà a riempirsi

Inter-Napoli – In dubbio la presenza di Handanovic in Coppa Italia

Lex arbitro Boggi querelato dall’AIA: “Contenuti falsi e lesivi”

Sky, Ugolini: “Grande serenità a Castel Volturno. Formazione anti-Lecce: ballottaggio Milik-Mertens…”

FOTO – La protesta di Gennaro Montuori: in diretta con le ‘manette’

Elmas, l’ag: “Aveva bisogno di questo gol! Sa dove vuole arrivare…”

Napoli, la Juventus ha chiesto informazioni su Mertens

Napoli, trasferta vietata per la sfida di Coppa Italia contro l’Inter

 

Vincenzo Vitiello

Giornalista --- Vice Direttore

View all posts by Vincenzo Vitiello →