Napoli: situazioni di Koulibaly, Mertens ed arbitraggio di Brych a Radio Punto Nuovo

Napoli, Mertens e Koulibaly

Malfitano: ho l’impressione che anche Koulibaly sia entrato nell’idea che dalla prossima stagione giocherà altrove. Mertens? Non credo che De Laurentiis abbia in mente di cedere a questo braccio di ferro, è improbabile che gli dia 5 milioni di bonus

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione in onda su Radio Punto Nuovo, sono intervenuti opinionisti e giornalisti  per parlare delle situazioni attuali riguardanti il rinnovo di Mertens, l’eventuale cessione -da parte del Napoli– di Mertens ed  altri argomenti relativi all’arbitraggio di Brych nella sfida  di Champions  League tra la squadra azzurra ed il Barcellona, gli effetti del coronavirus sul calcio ed  il match di campionato contro  il Torino. .

Questi i loro interventi riportati da ForzAzzurri:Net

Malfitano: “Non riesco a capire, chiudono le scuole ma non le discoteche: c’è bisogno di una linea di condotta generale ”

Mimmo Malfitano, Gazzetta dello Sport: “Sono preoccupato in generale della situazione. Sull’aspetto prettamente calcistico, dal momento in cui il coronavirus comincia ad entrare in qualche spogliatoio, la situazione potrebbe degenerare. Chiudono le scuole, ma tengono aperte le discoteche: questo non riesco a capire. E’ chiaro che le autorità competenti fanno il loro lavoro e tentano di non diffondere il panico, ma non è semplice essere tranquilli: i numeri non invitano alla calma, creano agitazione. Non riesco a capire. Ho letto che c’è un caso nella zona di Piazza Carlo III, a Napoli, quindi la situazione è preoccupante. Mi sembra assurdo in questo momento permettere che ci siano eventi sportivi con la partecipazione del pubblico: è necessario che si adotti una linea di condotta generale. Rimandare di un giorno non ha senso, come si può pensare di risolvere da un giorno all’altro una cosa che sta prendendo tutto il Paese? Koulibaly via da Napoli? Era già chiaro 2-3 mesi fa in quel pranzo che De Laurentiis offrì ai giornalisti del Napoli e disse che se avesse ricevuto una nuova offerta importante per Koulibaly, l’avrebbe ceduto. Credo che la risposta l’abbia già data De Laurentiis. Ho l’impressione che anche Koulibaly sia entrato nell’idea che dalla prossima stagione giocherà altrove. Mertens? Non credo che De Laurentiis abbia in mente di cedere a questo braccio di ferro: è improbabile che gli dia 5 milioni di bonus, magari gli riconoscerà qualcos’altro sull’ingaggio annuale, ma non credo si sposterà dalla sua idea”.

Chiariello: “Juventus ko a Lione, allora è vero che la Juventus fa il gradasso in Italia? ”

Umberto Chiariello, giornalista, con il suo EditoNuovo: “E’ veramente paradossale se non divertente quello che accade nel calcio italiano. C’è una società malata di Champions League, la Juventus. Questa Juventus si è messa in testa di fare all-in su tutto prendendo Cristiano Ronaldo, uno dei due giocatori più forti al mondo e poi Maurizio Sarri che nel frattempo ha vinto l’Europa League che avrebbe dovuto dare il bel gioco ai campioni. Invece di Sarrizare la Juve, si è Juventinizzato Sarri, perdendo a Lione dove c’è il numero 8 che ha fatto venire mal di testa alla Juventus. Ritorno non facile, ci vuole una Juve di altissimo profilo, ciò che non è. Atalanta batte di gran lunga il Valencia, il Napoli non perde col Barcellona e la Juve fa brutta figura. Allora è vero che – come spesso abbiamo detto – la Juventus fa il gradasso in Italia?”.

Romero: “Avevo aspettative maggiori per questo Torino, non merita la classifica attuale. Ho visto un bel Napoli in Europa ed una pessima Juve”

Attilio Romero, ex presidente Torino: “Le aspettative erano maggiori, non pensavo però che si sarebbe potuto trovare in una situazione di questo genere. Giocare a Napoli non è una partita facile per riscattarsi, temo ci sia un periodo ancora pensate. La squadra non è da primi 5/6 posti, ma non vale neanche l’attuale quattordicesimo posto. Rischio retrocessione? Brutta situazione punti, il Genoa per altro è in ottima forma. Dopo il Napoli c’è l’Udinese, partita più abbordabile, ma è un discorso complicato perché anche con Lecce e Sampdoria che potevano essere abbordabili, non sono tante trionfali. Longo è una bravissima persona ed un ottimo allenatore, ma non ha ancora avuto modo di dimostrarlo, potrebbe far bene con questo Torino. Napoli-Barcellona? Non ho visto il vero Messi, Gattuso l’ha ingabbiato bene. Questo Napoli può far bene, non escluderei la qualificazione. Arbitraggio Brych? Brutto arbitraggio, mentre quello alla Juve è stato un arbitraggio normale. Dybala ha anche esagerato, ho visto una bruttissima Juve così come ho visto un bel Napoli contro il Barcellona. Arbitraggio europeo? Io sono sempre per il lasciar giocare, nei limiti. Ieri non ho visto nulla di eclatante. Juventus, Inter o Lazio? Preferirei vincesse l’Inter, poi Lazio e Juventus”.

Gallo: “In Italia ci vergogniamo di ammettere che ci difendiamo, idea del catenaccio va reinterpretata”

Massimiliano Gallo, ilNapolista: “Gattuso si è presentato a Napoli elogiando il gioco di Sarri dicendo che è una squadra nata per giocare col 4-3-3 e facendo immaginare che la parentesi di Ancelotti era da dimenticare. Nei fatti, e con mia grande soddisfazione, con la Juventus, Lazio, Inter, Barcellona, ha giocato in maniera diversa: 2 linee davanti al Barcellona, facendo benissimo. Perché ci vergogniamo di dire che ci difendiamo? L’idea del catenaccio va reinterpretata, noi con quel calcio abbiamo fatto la storia di questo sport. Difendersi non vuol dire buttare palloni avanti e basta, oggi ci si vergogna di questo. Gattuso ha seguito quello che era un obiettivo di Ancelotti: giocare più tipi di partite in un’unica partita”.

Chiariello: “C’è un rischio: Napoli-Inter a porte chiuse il 5 Marzo. Il Napoli dorme o ce l’ha ancora una comunicazione attiva che difende i propri interessi?”

Umberto Chiariello, giornalista, con il suo EditoNapoli: “C’è un rischio: Napoli-Inter a porte chiuse il 5 Marzo. Sembrava dover essere spostata, ma i giochi di palazzo e di potere, fanno si che non verrà spostata. Napoli-Inter a porte chiuse è un regalo all’Inter clamoroso, perché si gioca senza pressioni ambientali. Il calcio in questo modo – a mio giudizio – viene contraffatto. Il Napoli non ha neppure protestato per Brych, Gattuso non ha speso una parola, ma veramente vogliamo tenerci un arbitraggio che ci butta fuori dalla Champions League? Il Napoli dorme o ce l’ha ancora una comunicazione attiva che difende i propri interessi?”.

Napoli, Mertens e Koulibaly

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Il Napoli vuole Belotti in estate. Si cerca di convincere il Toro

Rinnovo Callejon ancora possibile. Il prossimo mese sarà decisivo

Marchetti su Gattuso che ha dato una identità al Napoli e sul rinnovo di Mertens

Qualificazione ai quarti di Champions aperta. A Barcellona atteggiamento diverso

Futuro Milik incerto: se non rinnova subito in estate sarà messo sul mercato!

DESIGNAZIONI ARBITRALI – Sarà Mariani a dirigere Napoli-Torino

CALCIOMERCATO NAPOLI – Rinnovo Mertens: in tanti sul belga, ma lui ha solo una cosa in testa

Napoli: Berard conferma Koulibaly a Parigi!

CONTENUTI EXTRA:

Così il coronavirus attacca le vie respiratorie e può causare complicazioni

Gwyneth Paltrow e la paura del Coronavirus, in volo con la mascherina: “Come nel mio film”

Juventus-Inter a porte aperte? La Regione Piemonte lo ha chiesto al Governo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *