Spalletti: “Difficile fare meglio di quanto fatto stasera”

Luciano Spalletti, intervistato dai microfoni di Sky Sport: “Per vincere le partite contro Leicester o Legia serve giocare sempre al massimo, non basta una giocata”.

Le parole di Luciano Spalletti, intervistato nel post-partita, dopo la vittoria per 3-0 contro il Legia Varsavia: “Il fatto di non riuscire a sbloccare la partita poteva portare a perdere un po’ di ordine e a quel punto è facile andare in difficoltà. Dovevamo rimanere ordinati con il passare dei minuti e trovare poi le palle gol. Lo abbiamo fatto. Quando si hanno tanto calciatori d’attacco possiamo trovare molte varianti. Possiamo giocare con due trequartisti ed è facile poi trovare la giocata vincente, come ha fatto Insigne oggi. Elmas ha dato disponibilità, Politano lo stesso: quando ci sono questi atteggiamenti è semplice fare le cose. Sono felicissimo, è difficile fare meglio di quello che abbiamo fatto stasera.

Sta sempre nell’intelligenza dei calciatori. Si passa sempre dai risultati di squadra e pensiamo tutti ai risultati collettivi, non a quelli personali. Dobbiamo stare dentro un atteggiamento corretto per cercare i risultati tutti insieme. Se si capisce questo bene, altrimenti dobbiamo comunque farlo capire ai giocatori.

Prima dobbiamo passare il turno, ci sono altre gare e sono incastrate tra quelle di campionato. Da qualche parte abbiamo abbondanza di calciatori, in altri ruoli potrebbe mancare qualcosa. Per vincere le partite contro Leicester o Legia serve giocare sempre al massimo, non basta una giocata.

Con la conoscenza dei compagni e con la sua disponibilità può fare tutto. Per lui la cosa ideale è galoppare nelle praterie ma sta piano piano conoscendo anche altri modi di giocare. È un grandissimo professionista ed è un ragazzo tenerissimo che ascolta tutti.

Mourinho è sempre pericoloso. La Roma è una grande squadra”.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Napoli-Legia Varsavia, Di Marzio: “È giusto che Spalletti faccia il turnover”

Auriemma contro Orsato: “Se non fossimo in Italia sarebbe già a riposo”

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Carolina Marconi: “Mi hanno tolto e ricostruito entrambi i seni, ma il cancro non mi ha cambiata”