Calcagno: “LegaPro? Abbiamo chiesto di istituire un fondo salvacalcio”

Calcagno Umberto

Calcagno: i calciatori di Serie A sostengono che sia giusto che una parte dei tagli sia giusto destinarli a chi vive di calcio

A ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione  in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Umberto Calcagno, vice presidente AIC,  per parlare della sospensione degli stipendi dei calciatori e di un fondo di sostegno per giocatori di Serie C e per il Dilettanti

Queste le sue parole:

“La nostra posizione è stata chiara fin dal primo momento dicendo che non si potesse continuare, anticipando di qualche settimana gli accadimenti. Oggi è altrettanto chiara nel dire che l’unica possibilità per cui possiamo ragionare è la ripresa dei campionati e la conclusione che sforerà con ogni probabilità nella prossima stagione.

Ci stiamo concentrando sull’ipotesi migliore, l’unica su cui possiamo lavorare. Salvaguardare l’aspetto sportivo di un campionato, già svolto per 2/3, è un aspetto che abbiamo il dovere di tutelare, se l’epidemia ce ne darà la possibilità. C’è tutto un’insieme di norme che non è semplice da coordinare, nessuno deve approfittare delle situazioni che si vanno a creare, ragionando di buon senso, credo che in questo senso la FIFA possa darci una mano. La percezione, in certe zone d’Italia, è differente.

Le decisioni verranno prese nel momento in cui riusciremo a capire come si esce dall’epidemia, nessuno di noi ancora l’ha capito. Possiamo fare ragionamenti a livello giuridico, ma abbiamo un punto interrogativo sull’uscita da quest’epidemia.

La ripresa prevederebbe un’insieme di norme, incastri, molto difficili da mettere su. Se il virus non ce la concederà, a quel punto il lavoro da fare è decidere cosa farne di 2/3 del campionato e qualsiasi decisione prenderemo, causerà mal contenti. Per quanto ci riguarda siamo un po’ stanchi della demagogia che c’è sugli stipendi dei giocatori.

Che tutti i problemi del nostro mondo, possano essere risolti con gli stipendi dei giocatori, non è vero. Può far scalpore, può far piacere a chi legge. Ci sarebbe bisogno di quelle riforme di cui tanto si è parlato, dobbiamo continuare su questa strada, la soluzione non è tagliare gli stipendi.

LegaPro? Vogliamo tutelare gli stipendi più bassi, non solo dei professionisti, ma di tutti i ragazzi e le ragazze che vivono di calcio. Per questo abbiamo chiesto di istituire un fondo salvacalcio per aiutare questa tipologia di calciatori ed a questo fondo devono arrivare anche parte dei tagli che i loro colleghi più forti e fortunati fanno.

Abbiamo la certezza che nell’accordo fatto dalla Juve siano stati tutelati i redditi bassi, non soggetti a decurtazione. I calciatori di Serie A sostengono che sia giusto che una parte dei tagli sia giusto destinarli a chi vive di calcio. E’ stata una nostra idea per tutelare i redditi più bassi. L’AIC sta ragionando sulla sospensione degli stipendi, dipende anche per quanto vengono sospesi”. Conclude Calcagno.

Calcagno Umberto

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Calciomercato Napoli – Sirigu prima scelta ma c’è anche Juan Musso

Tesoretto Napoli – Adl non soffre l’emergenza

Taglio stipendi Juventus, emergono ulteriori dubbi

FIFA – Pronto piano Marshall per salvare il calcio

Chiariello:”I calciatori diano un segnale forte, rinunciate agli stipendi”

Tonelli, il papà: ”Situazione drammatica, per me meglio finirla qui”

Il Milan vuole Milik, ecco la richiesta di Adl

Il Napoli cerca un nuovo terzino, ipotesi Kurzawa

Coronavirus, il bollettino delle 18 – Anche oggi più di 800 morti

Gabbiadini: “Sto bene, ho ripreso ad allenarmi: aiuto l’ospedale di Genova”

CONTENUTI EXTRA

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *