Moggi:”Altro che potere, ringraziate chi ha fatto vincere un mondiale”

Era stima verso chi sapeva dare al calcio immagine e carisma

L’ex dg della Juventus Luciano Moggi attraverso un editoriale pubblicato su  Quotidiano Libero, ha espresso al sua idea sull’emergenza covid 19 sotto l’aspetto sportivo. Non sono mancate stoccate verso il calcio italiano ed è ritprnato a parlare dei tempi di calciopoli. Ecco cosa pubblicato:

Il Coronavirus ha messo a nudo tutte le nostre amenità che sconfinano in debolezze, paure del presente e del futuro. È questo il momento dei se, forse, probabilmente; tutti danno le loro opinioni in libertà che riguardano il presente e il futuro senza sapere quando avrà fine il presente.

Si è arrivati persino a chiedere alla gente di cantare l’Inno di Mameli dalle terrazze di casa, chissà se per chiamare a raccolta il popolo italiano, pensando che possa ricacciare questo nemico invisibile oltre i nostri confini. La verità è che in questo momento la paura fa 90. Adesso siamo tutti affratellati, ma per timore del contagio: c’ è da sperare che il Coronavirus abbia almeno insegnato qualcosa.

Perché in Italia, fino a poco tempo fa, se qualcuno emergeva al di fuori di una certa cerchia veniva additato al pubblico ludibrio ed esportato nel mondo, a mezzo media. Adesso si canta invece Fratelli d’ Italia trascurando che in passato, sia in politica come nel calcio, si sono verificati fatti in controtendenza all’Inno di Mameli.

Nel calcio sarebbe sufficiente parlare di Calciopoli e le sentenze definitive dei due processi, quello Sportivo e quello Ordinario: la prima «campionato regolare, nessuna partita alterata», la seconda finita «con il reato a consumazione anticipata», che non è altro che il frutto di illazioni personali, non suffragate dai fatti, mancando tra l’ altro gli arbitri, tutti assolti.

A quei tempi andava di moda parlare di potere nel calcio, che non era un reato ma la stima di chi lavorava nel settore rivolta verso chi sapeva dare a questo sport immagine e carisma fino ad arrivare alla conquista del titolo mondiale.

Il potere vero, inteso come tale, c’ è stato invece dopo il 2006, ma di stampo scarsamente meritorio: con presidenti inadeguati che portarono il nostro calcio ad essere eliminato per due volte al primo turno del Mondiale, fino a non superare il girone di qualificazione nell’ ultima edizione. Adesso si naviga addirittura a vista, in tanti parlano ma nessuno decide e se qualcuno propone lo fa solo pro domo sua”.

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Serie A, si va verso il blocco degli stipendi

De Nicola:”Per battere il virus bisogna restare a casa”

Amburgo – L’esperto tedesco: “Il calcio non ripartirà questa stagione”

Tragedia per Emmanuel Badu: la sorella uccisa in Ghana

Tommasi:  “Si chiudono le scuole, si può chiudere un campionato o più di uno”

  Il Dott. Ascierto rivela: “Da napoletano juventino: orgoglioso dell’affetto ricevuto dai Club Napoli”

Christian Maggio: “Lo scudetto 2017/18 lo meritavamo noi”

Preziosi pres. Genoa: “Ipotesi playoff o playout un’idiozia totale!”

Calciomercato Napoli, Meret vuole andare via: il Milan fa sul serio

Botti, Direttore del Pascale, risponde al virologo milanese: “Reazione dettata da deliri di onnipotenza”

CONTENUTI EXTRA

De Luca, rischio è che conteremo morti

Isolati due conventi, 59 suore positive

NBA, Pau Gasol pronto a lasciare?

Amanda Lear: “A 80 anni faccio due ore di sesso al giorno, chi dice che sono un uomo è un idiota”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *